Festeggiando Viaggiando sull’autostrada “verso” la santità! EHM!?

Cari amici… eccomi di ritorno dall’ennesimo matrimonio della stagione… non l’estate… la stagione dei matrimoni che per me dura praticamente tutto l’anno con solo 2 o 3 brevissime pause!

E con questo bicchiere brindo a… ehm… scusate! Diciamo che durante questo matrimonio ci siamo lasciati trascinare un po’ dalla mania del brindisi… ma non è colpa nostra!!! Era solo “sana” competizione tra amici dello sposo e quelli della sposa… e io che ero inclusa in tutte e due le liste… mmm… brindavo il doppio! 😳

Ma non temete… Godot non finisce mai sotto il tavolo… sempre che non si perda un orecchino! QUELLO che volevo dire… è che non finirei mai sotto un tavolo per un bicchiere di troppo!

Comunque tutti i matrimoni la stessa storia… si parla si festeggia si balla (io quest’ultima cosa cerco di non farla mai… ma spesso vengo trascinata mia malgrado… a volte portandomi dietro chiunque si trovi al mio passaggio… nel tentativo di aggrapparmici! 😯 )

Comunque tutti i matrimoni la stessa storia… al tavolo c’è sempre un’amica acida della sposa che critica quello o questo! e a volte mio malgrado la zittisco! 😉

Comunque tutti i matrimoni la stessa storia… come anticipato ci si lascia andare a qualche brindisi di troppo… quello per gli sposi… quello per i genitori… quello per i testimoni… quello per il cameriere che si è spiacicato a terra con tutto il vassoio dei secondi… quello per il vino (eh?!)… quello per gli amici degli sposi (autobrindisi!)… quello per gli sposi che ballano… per i genitori degli sposi che ballano… per gli amici che ballano… per i topi che ball…AH NO! Comunque… un muuuuuuuuuuuuuucchioooo di brindisi! E sapendolo… visto che i matrimoni erano 2 in successione (e ammetto che uno l’avevo scordato!) … e tutti e due di sera… e vicino al mare… TADAN! Mi sono fermata in un alberghetto a metà strada tra i due matrimoni… e mi sono trattenuta anche la notte dopo il SECONDO matrimonio del weekend! Così che il mio weekend è stato in parti uguali di “Festeggiamento” e “Viaggio”!

E stamattina… di buon’ora… praticamente all’alba… ossia verso mezzogiorno… mi sono avviata verso casa!!!

Ed ecco che mentre Godot si avvia verso l’autostrada… supera questo … supera quello… poi si ricorda del controllo della velocità… e rallenta… poi passa il controllo della velocità e accellera (ma prega tutti voi di andare piano e di guidare responsabilmente! Ehm!) e si avvia verso la rampa che la porterà sull’autostrada!!! Ed eccole venire incontro… eh già proprio inCONTRO… un FRATE!!! 😯

Eh già… ecco che mentre io scorazzavo allegramente sulla rampa che mi portava all’autostrada… mi vedo venire CONTROMANO… ma a piedi… un fraticello… anche se era anziano quindi dovrei chiamarlo Frate… era un Albertino credo… visto che aveva un saio grigio… e i sandali ai piedi… un Albertino che si avviava verso chissà dove con la valigia in mano… a piedi… sotto il sole rovente… in una strada non “pedonabile”? 😯 (quest’ultima parola per me indica il fatto che la strada non possa essere definita luogo da passeggio!)

Ma dove andrà il fraticello?! Che fosse un segnale divino! O proprio uno diVINO!? No questo l’escludo… era passato un bel po’ dall’ultimo bicchiere di ieri sera… a meno che nell’albergo dove ho sostato non mi avessero spacciato un caffè CORRETTO per uno macchiato!? Non oso neanche pensare alle battutaccie che mi sarebbero venute se avessi bevuto stamatttina un Cappuccino (e Fra Puccino lo sa!)

Insomma… il fraticello si avviava solo soletto con valigia al seguito verso la santità??? Ma soprattutto… non poteva prendere un autobus????????????? Boh! ❓ Ma soprattutto… non rischierò mica la scomunica???!

Dallo scaffale “Saggistica e Manualistica”: Il manuale del perfetto provolone!

Primo post della settimana a richiesta… richiesto da Psicosi con la seguente dedica: “A tutti gli psicotici” dal nostro, mio, vostro, chissà di chi, Jukebox… “Il manuale del perfetto provolone”!

Voi direte… “Ma tu… non sai niente di conquiste…” Vuoi vedere che una “zitellona” come te… ne capisce qualcosa di conquiste… e io vi dirò:

1) Zitellona a chi!! Maledetti se vi piglio vi spezzo come tanti grissini e ne faccio pangrattato!

2) Ehm… ma qui non si parla di conquistare uomini… ma di come è il “perfetto provolone”… e qui le lettrici potranno aiutarmi!

3) Fare il provolone è un po’ come giocare a scacchi… si imparano le mosse… si ripetono le mosse… e spesso ti va una schifezza lo stesso!

Ora WikiGodot recita: Il provolone è quella specie animale… e non casearia, nonostante il nome… che fa lo scemo con tutte le pulzelle e le gonnelle che gli capitano a meno di un metro di distanza!

Ora le tecniche sono diverse a seconda del tipo di provolone che ci troviamo a esaminare:

1) Provolone classico: Il provolone classico è quel provolone il cui avvicinamento alla caciotta di turno (ehm) segue alla lettera il manuale. Parte spostando il pedone… o il “pIedone”… è in una quarantina di mosse… si fa fregare la ragazza dall’alfiere… quel fetente!

2) Provolone stagionato: E’ un provolone vecchio… ma molto vecchio… ma vecchissssssssimo… stagionato di un centinaio d’anni… che inevitabilmente ci prova con le caciotte giovani e poco stagionate… ma l’esperienza è tutto! Frasi del tipo: “Ma che bel nome!” “MA che bel sorriso!” “Ma che bel tutto!” fanno sì che la caciotta si arrostisca in due secondi… poi però muove il cavallo per dare scacco alla regina… ehm sì… in questo caso sì… e gli viene un colpo di sciatica terribile!!! O uno strappo… ehm… al cavallo!

3) Provolone piccante… andato a male: E’ meglio noto… a tutte le caciotte come: “Provolonus porcus!” E’ quel provolone che prova subito a dare scacco alla regina… muovendo il cavallo in diagonale… e poi a destra… poi due caselle a sinistra… poi una casella indietro e 5 avanti… e NO! Non si gioca così a scacchi… ELIMINATO!

4) Provolone piccante di buona qualità: E’ della stessa specie di quello di prima… ma è furbo! Lui! Dice: “Che begli occhi!” quando non guarda gli occhi… e cose del genere… così che anche quando da il peggio di sè… la caciotta esclama: “Ohhhhh ma quantooooooooo è carinoooooooooooo!” Non si attiene nemmeno lui alle regole… ma lo fa con un sorriso a 150 watt e la regina, accecata, non se ne accorge!

5) Provolone dolce: Carinooooooo… diventerà sicuramente il migliore amico di tutte le caciotte… ma lui non gioca a scacchi… al massimo a dama!

6) Provolone sottovuoto: E’ quel provolone che ha preso un po’ di peso… e mette la panciera fino a sembrare di 4 taglie più magro… vince in 7 mosse, non poche… ma poi… alla scoperta della panciera viene ELIMINATO per gioco sleale!

7) Provolone DOP: E’ il provolone che è contrassegnato dal puro marco DOP! Di Origine Protetta… dalla mamma!!! E la mamma del provolone si sa è la famosa provola! Lui è in gamba… e non parla della mamma finchè la caciotta non è cotta… quando è troppo tardi… svelerà alla caciotta che per lei nella scacchiera è rimasto solo il posto del pedone!

8) Provolone occhialuto: Sì commenta da se… porta sempre gli occhiali da sole… la caciotta non capisce mai se guarda lei… o se dorme… alla fine è un “provolone osservatore e guardone” più che altro… perchè alla fine… da dietro gli occhiali non riesce a concludere molto… al massimo guadagna qualche moneta… se LEI lo scambia per un mendicante non vedente!

9) Perfetto provolone: E’ il provolone perfetto marchio DOP DOC e tutti i marchi che vi vengono in mente… non è detto che questi marchi siano sotto forma di tatuaggi, però! E’ il provolone che conquista la pulzella in 5 mosse con alfiere, cavallo e re… come vorrebbe fare Psicosi… le 5 mosse sono semplici:

1) Muove l’alfiere: Avvicina la pulzella con una scusa qualsiasi… diagonalmente… e si mette a parlare…

2) Muove il Re: Con una qualsiasi scusa parla della sua carta di credito GOLD… della sua macchina CABRIOLET… della sua villa A 3 PIANI… non importa che non le abbia… infatti:

3) Fa retrocedere il Re: Finge un crollo delle sue azioni… attenzione: “Diventato povero” è diverso da “Nato povero”… fa molto più fino!

4) Muove il cavallo… detto così… sembra che si metta  a ballare il latino-americano… che potrebbe essere anche un’idea non male… dipende da COME! Dicevamo… ah già… invita la pulzella a cena… a ballare… dove gli pare!

5) Accerchiamento… in B5 colpito e affondato… ops… scusate quella era la battaglia navale!!! Beh… diciamo che una volta accerchiata da tutte le “doti” del perfetto provolone… la povera caciot… ehm… volevo dire… la povera pulzella non ha più scampo!!! SCACCO MATTO!

Voi direte… quanti perfetti provoloni hai incotrato finora… NESSUNO… non di perfetto almeno… c’era sempre qualcosa che sapeva di stantio… cosa?! Mah… forse il “Manuale del perfetto provolone” che troneggiava sulle librerie di tutti i provoloni incontrati finora… mai una volta che un provolone fosse sincero! Anche perchè… in realtà… quello sincero è il vino!!!