Godot, l’inserzionista e il pubblicitario assenteista!

Ciao a tutti… passata una buona Pasqua??? Io no… perché? Tutto è partito da un tortano bruciacchiato e poi è andato a cadere… ma non temete… c’è qualcosa di peggio della Pasqua.

C’è la mia vita di tutti i giorni! 😥

Cosa accade nella mia vita di tutti i giorni? Se avete dato un’occhiata al post precedente ne avete un’idea… se no… FATELO!! >_< che sono troppo nervosa per spiegarvi tutto dall’inizio!!!

Ehm… ok… espiro e inspiro… espiro e inspiro! Io sono zen… la mia vita è zen. Tutto ciò che mi circonda è zen. E’ zen la piantina di cactus sul mio terrazzo… è zen il venticello primaverile… è zen il vicino rompiscatole che sbircia sempre dalla finestra mentre uno parcheggia… -_-

Tutto ok! Mi sono ripresa da questo piccolo momento di crisi! Che mi dura da più di 30 anni ma è un dettaglio!

Cosa mi ha fatto sclerale più di tutto in questi giorni? Dopo la multa, l’attitudine al darmi incarichi con cui non c’azzecco niente… e ripeto… NIENTEEEEE!!!! ??? Cosa?
Ebbene la goccia che ha fatto traboccare il vaso… il vaso della pianta di cactus che non dovrebbe essere annaffiata poi tanto… è stata versata da una persona che lavora nel mio stesso giornale. No. Non vi parlo di un giornalista o di uno dei tanti capi SUPERRIMI e SPLENDENTI da cui sono attorniata… no… non parlo nemmeno del signor A. che ha il brutto vizio di finire il caffè e non avvertire… anche se prima o poi gli scambierò le bustine di Dietor che tiene nel cassetto con delle bustine di Sale Himalayano! 😈

No. Non è il signor A. La persona che rischia di farmi scorollare bensì uno dei pubblicitari… voi vi direte… che c’entri tu con i pubblicitari?

Già. E’ la triste legge del giornalismo… esistono gli inserzionisti. Ora ci sono fior fior di inserzionisti che si fanno il lavoro “all inclusive” si scrivono il testo, si mettono la foto… etc etc etc. Poi ci sono inserzionisti più poverelli che vogliono che gli si scriva il testo, gli si scatti la foto … etc etc etc … e poi ci sono gli inserzionisti Rompi-Inserzione! Quelli che chiamano 24ore su 24… 7 giorni su 7… 12 mesi all’anno.

Magari producono ghiaccioli eppure sono capaci di chiamarti a ferragosto (ottimo) come a Capodanno… e non ne vogliono sapere di mollare quel telefono!!! Continuano imperterriti…

Magari vendono puntine da disegno da usare sull’ipad o monetine da lanciare nella fontana di Trevi.. non importa. Ti chiamano sempre.

“Ti chiamano”… già “Ti”… perché il pubblicitario, furbo, è assenteista… già e loro chiamano TE. Il pubblicitario che dovrebbe occuparsi di queste cose in effetti non si trova mai… o meglio si trova. All’inizio dell’anno quando l’inserzionista manda un cadeau per Natale, onde poi defilarsi lasciando tracce di bigliettini da visita… dei TUOI bigliettini da visita! 👿

MALEDETTIIIII LA PESTE A LORO E AI LORO SPAZI PER I PUBBLIREDAZIONALI!!!!

Così da giorni uno di questi inserzionisti mi è stato affibbiato … io l’ho chiamato… l’ho incontrato perché non voleva parlare dei ghiaccioli che vende agli eschimesi via telefono… ho fotografato i ghiaccioli con tanto di eschimesi… ho scritto il pubbli-redazionale… gli ho dovuto permettere di controllare cosa avevo scritto perché mi ero trasformata da giornalista in pubblicitaria… ho rivisto, corretto, aggiustato… e poi…

… e poi … il pubblicitario non si è fatto trovare… già. Il pubblicitario che doveva fare l’unico, piccolo sforzo di “piazzare” il tutto in pagina… nello spazietto già predisposto per i pubbliredazionali… si è dato alla macchia… non quella d’inchiostro che con il ghiacciolo e l’eschimese poteva anche fare pendant. Proprio alla macchia. E’ sparito! 😯

Il primo giorno aveva mal di testa. Il secondo mal di denti… il terzo non ha risposto… e il quarto… non ha risposto!!!! >_<

E giustamente l’inserzionista che fa? Chiama me: “Perché lui non risponde!” mi ha detto… Sì… ma io sono stata “prestata” per mettere in italiano più o meno corretto la storia dei ghiaccioli e degli eschimesi…una volta chiuso il pacchetto non è problema mio…

… non dovrebbe esserlo nemmeno prima, visto che vengo pagata uguale uguale… neanche un cent in più. Ma è la dura legge del precariato… a volte tu fai quello che devi per portarti la pagnotta (e anche il ghiacciolo omaggio) a casa!

E allora perché rompono le inserzioni proprio a me? ❓

“Pasquando” parte seconda… cioè 1 sms ti può rovinare 1 vita… 10 sms 10 vite…

Ebbene sì. Pensavate che avessi raggiunto il fondo del barile (di gaffe e compassione) con il mio sms sbagliato a X2 di cui parlavo il giorno di Pasqua???
Vi sbagliavate… purtroppo… anzi… molto purtroppo!  😥

E tutto per colpa di una suora che si è trasformata in esperta sentimentale… che poi… pensandoci bene non so cosa mi sia venuto in mente a darle retta… insomma… non credo abbia tutta questa esperienza in situazioni sentimentali… spirituali ok! Se mi diceva “fatti suora” o PREGA non potevo darle torto ma… i consigliSENTIMENTALI no… 😯 ma a questo ho pensato solo ieri quando era troppo tardi!

Troppo tardi solo per X2 voi direte… e invece no.

Spinta dall’invito a socializzare della suora… ho mandato una CATERVA di Sms… e me ne sono pentita per tutto il giorno! 😥 E anche nei giorni successivi.

Diciamoci la verità… la maggior parte degli sms erano un semplice “Tanti Auguri di una buona Pasqua. Godot” a volte aggiungevo “con affetto” … in casi estremi “un abbraccio” e così via.

😯

Beh… ho capito che la gente è assetata di contatti umani… un po’ troppi per i miei gusti! 👿

In cambio della CATERVA di Sms di auguri che ho inviato mi è arrivata una CATERVA di Sms sbavanti! 😯

Alcuni disgustosamente sbavanti. Volete un esempio??? Ve ne dico 5!

SMS di Risposta n°1 “Che meraviglia il tuo sms, è sempre un piacere sentirti!” 😯

… no davvero… era solo un semplice e banalissimo “TANTI AUGURI” non è che ti ho intonato l’Aida…

SMS di Risposta n°2 “Ma sai che sei stata carinissima a ricordarti di me? Senti perchè un giorno di questi non ci prendiamo un caffè?”

… era un SMS… non è che ti abbia detto quanto sei bello! Quindi se io sono stata “carinissima” … significa… che nessuno ti ha mandato gli auguri???

SMS di Risposta n°3Ora ti posso dire che sei stata la mia passione segreta per 1 anno!” 😯

… eh? No sul serio… eh??? 😯 E se ti facevo gli auguri di Natale allora che mi rispondevi???

SMS di Risposta n°4 “Che grande onore. Lei… proprio lei mi ha mandato un sms… allora dobbiamo brindare con un caffè!!!!”

… ok… qui avverto un lieve sarcasmo! 😯 Cioè… non è che sia proprio antisociale… no? OK. Forse sì… ma se sapete TUTTI e proprio TUTTI la mia passione per il caffè evidentemente mi conoscete meglio di quanto necessario! >_<

SMS di Risposta n°5 “WA! Ma che piacere. Senti ti posso chiamare? Ti chiamo? Ora ti chiamo!” …

… ovviamente ha chiamato… 😥 E mi ha tenuto a telefono per 1 ora e un quarto! 😥

Insomma… avete capito… e questi sono solo 5… me ne sono arrivati una miriade di sms simili… io potrei morireeeeeeeeee!!! No… meglio che muoiano i risponditori di sms… insomma… nessuno… giuro … nessuno… che mi abbia risposto con un semplice “Tanti auguri anche a te!” … no… il più freddo di tutti è stato quello di un addetto stampa che in un momento di sentimentalismo ha risposto: “E’ bello avere un’amica come te!”

Pensa un po’… tanto che ti sono amica ti cancello dalla lista di persone a cui fare gli auguri… tzè! Così impari! Così imparate tutti…

… l’anno prossimo mi ESSEemmeESSO da sola… e mi rispondo pure… e mi faccio pure la corte se mi va… ma a questi… GIAMMAI! Al massimo gli dico che festeggio il solstizio! Tzè!

Pasqua nuova… mollicone nuovo…

Eh sì… buona Pasqua a tutti voi!

Oggi ho fatto una delle mie “gaffe” più autolesioniste che io abbia mai fatto…

… ho mandato il msg sbagliato alla persona sbagliata! 😥

E così mentre volevo che un tipo interessante potesse dirmi di prendere un caffè insieme… mi sono ritrovata a dover schivare gli inviti di un tipo ultraborioso a passare una bella Pasquetta in due… soli.. lui e io! 😯

Ma facciamo un passo indietro e poi un altro passo indietro… e poi un altro passo indietro e poi un altro passo indietro…

… e precipitiamo in un burrone… magari dalle parti del Vesuvio visto che è lì che mi ha invitato! 👿

Stamattina Godot si sveglia … la collega di religione della scuola le telefona per i consueti auguri… lei è una Suora… e dice a Godot: “Beh… oggi potrebbe essere la giornata giusta per prendere la tua vita sentimentale per le corna… (ehm) Non diventi mica più giovane sai??? E sentimentalmente sei proprio un disastro!” 😥

Il fatto che a dirlo fosse una suora… mi ha dato una bella scrollata… così mentre mi abbigliavo e mi vestivo e mi arrabbattavo etc. etc. ho mandato una caterva di msg… e in particolare uno!

Non pensate chissà che… non è che fosse un msg Hot… era solo un “Ciao. Tanti auguri di Cuore. Passa una bella Pasqua, spero di sentirti presto, Un bacione Godot!” :mrgreen:

Ora… dovevo mandarlo a X… e invece l’ho mandato a X2… dove il 2 sta per un cognome molto simile ma completamente diverso! 😥

Così stasera mi sento chiamare… e…

X2: Godot sono stato contentissimo di ricevere il tuo msg!

Io (Che ero convinta di avergli mandato il canonico “Tanti auguri, Godot!”) Ehm… sì… beh… hai passato una buona Pasqua?

X2… sì! Anche grazie al tuo msg… l’ho letto e ho pensato… ma com’è carina!!!

Io: (Che ancora ero convinta di avergli mandato il canonico Msg) … beh… sì… ehm…

X2: Ma sei già tornata a casa?? Così ti chiamo sul fisso e parliamo un po’!

Io: (Che non ha mai parlato con X2 se non per 5 minuti) Ehm… sì! ❓

X2: Ok! ora ti chiamo.. .

… due minuti dopo mi chiama…

X2 … eccoci… allora raccontami che stai facendo?

Io: Ehm… il solito?

X2… bello… meglio che io non ti parlo di me, altrimenti ti deprimi! :mrgreen:

Io: EHm…  ma no dai… <- questo è stato detto per pura cortesia!

X2: No. Stasera voglio parlare solo di te… d’altronde tu mi hai detto di chiamarti…

Io 😯 Eh, quando?

X2: Vabbè detto no… scritto nel messaggio! :mrgreen:

Io 😯 <- faccia di chi ha capito di aver sbagliato X!

X2: Allora che hai fatto oggi??

Io: Sono stata con la famiglia… gli amici… i parenti… ?

X2: E domani? che fai domani?

Io: Famiglia… amici… parenti…

X2: Ho un’idea migliore. Un pranzetto solo io e te… domani…

Io: Ehm 😯 <- faccia di chi non può credere a quel che sente!

X2: Dì di sì Dì di sì Dì di sì! :mgreen:

Io: Ehm… no???? <- faccia di chi crede sia uno scherzo di cattivo gusto!

X2:Ma come nooooo….

Io: EHm… non possoooo ho già organizzzattoooooooo

X2: Vabbè silurali…

Io: Non posso… ci rimarrei male!

X2: Dai sicuramente una bella ragazza come te è abbituata a dare qualche palo!

Io. No X2 veramente … non insistere…

X2 Insisto!

Io: Oddio…

X2. Eddaaaaaaaaaaaai!

Io: No no no…

X2: Fai una cosa … chiama questi tuoi amici… se riesci a silurarli BENONE ti chiamo tra 10 minuti…

Io 😯

…. ovviamente passano i dieci minuti e richiama… io ovviamente ribadisco il No… e lui: “Ok allora domani sera quando torni ti chiamo e vengo a trovarti!” :mrgreen:

Ma scusa… ma non hai capito che volevo silurare te??? ❓

A quanto pare no…

UFF! Che vita grama!

E pensate che visto che una volta tanto ero a casa da lavoro e X2 è uno dei miei capi… GodotMadre quando ho riattaccato ha detto: “Che voleva il tuo capo!?” e io “Niente”… ma in realtà avrei voluto dire TANTE Cose!!! 👿

Ma una cosa me la devo permettere…

CAPI… uomini di potere… etc. etc. etc. vabbè che c’è crisi… ma forzare una vostra dipendente a uscire con voi è comunque mobbing… domani devo trovare il modo per renderlo ben chiaro! Tzè!

Natale con i tuoi… Pasqua … beh… pure!

Buondì a tuttiiii … scusate il ritardo… ma d’altronde se non mi facessi aspettare che razza di Godot sarei?! :mrgreen:

E quindi eccoci qua di ritorno… eccoCi non perchè in comitiva ma perchè reduce dalla Pasqua, passata in compagnia, mi è difficile tornare a parlare al singolare. Beh… scusate il ritardo (e sono due) ma tanti auguri di Buona Pasqua a tutti voi vicini e amici di Blog!

Che avete fatto? Io sono stata assaltata dai parenti … perchè come dice il noto detto “Natale con i tuoi… Pasqua Pure!” :mrgreen:

Eh lo so… qualcuno dirà “No non era così. Non confonderci i proverbi!!” Ma nella mia famiglia è sempre così! E lo stesso si dica per Ferragosto…

In qualche modo mi trovo sempre accerchiata… cerco di svincolarmi… ma appena metto piede fuori dalla porta ecco che mi squilla il telefono e:

“Godot sono ZIA. Avverti mamma che siamo lì domani per pranzo? Vengono anche le tue cugine… e i tuoi cugini… tu ci sei verooooo?!”

😯

E io penso: “Ok… sono 8… più noi 5 (inclusa la moglie di mio fratello) …. siamo 13!! Porta male… quasi quasi mi chiamo fuori….” ma ecco che il telefono squilla di nuovo e:

“Godot sono tuo ZIO avverti tuo padre che io e la mia modesta famigliola accettiamo l’invito e veniamo da voi domani!”

😯

OK! Siamo diventati all’improvviso 16!  Non porta male… non posso più giocarmi questa carta… comunque chiedo allo ZIO perchè non avverte lui mio padre e lui: “Perchè l’ultima volta che ho avvertito lui quasi rimanevo senza pranzo visto che non l’ha detto a nessuno!” Ehm… effettivamente capitò proprio a Ferragosto. ZIO aveva avvertito mio padre che ci avrebbe raggiunto al mare per la giornata… mio padre non lo disse … e GIUSTAMENTE … tutti noi altri eravamo andati nel paesino vicino a cena… senza sapere che mio ZIO ci aspettava fuori alla casetta marina! ^_^

Eh vabbè… 16 avverto mia madre che era in casa… al telefono… motivo per cui la ZIA non aveva avvertito lei… e visto che stavo andando a fare la spesa chiedo “Raddoppio?” e lei “NO triplica… siamo 24!” 😯 “Vengono i cugini dalla Toscana… dobbiamo sfamarli!” 😯

OK! Vado a fare la spesa… e all’improvviso uno squillo… ci mancava solo che il tipo del banco dei formaggi urlasse: “Attentaaaa non rispondere a quel telefonooooo!!! Nooooooooooooooo!!! Stai attentaaaaaaaaaaaaaaa! Saranno altri ospitiiii non rispondereeeeeeeeeeeee!!!”

E infatti… era mia madre che aggiunge secca un “Più quattro… ma per sicurezza Raddoppia ancora tutto… e non se ne parli più!”

… e così ho fatto. Tornando a casa praticamente stracarica di buste… oltre che il bagagliaio e il retro le buste erano anche sul sediolino passeggeri! ^_^

E oltre ciò ovviamente io e mia madre abbiamo dovuto impastare tortani salati, casatielli dolci e pastiere di ogni tipo da smistare ai parenti… e a qualche amico che poi è venuto a farci gli auguri in questi giorni… ecco qua… l’ultima pastiera della tornata…

… non so neanche quante ne abbiamo fatte… so solo che quando siamo arrivate a questa io mi sono lanciata sul divano e ho detto: “Basta non ce la faccioooo piùùùù… ma nessuno ha deciso di mettersi a dieta questa Pasqua!!!” Mia madre accasciata sul tavolo ha detto: “NO! Maledettiiiii!!!” Io avrei voluto aggiungere: “La pesteeee alle loro famiglie…” ma poi mi sono ricordata che eravamo NOI la famiglia… e quindi ho evitato! ^_^

Finito tutto e ripulito tutto… con mia madre e io che sembravamo aver ballato il TUCATUCA con 2 panettieri date le manate di farina ovunque… non è finita mica lì… ci siamo preparate per l’assalto dei parenti… con bimbette di 2 anni che urlavano abbracciandomi:

“AMICA MIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA… NOOIII CI VOGLIAMO BENEEEEE!!!”

E bimbetti di 4 che chiedevano: “Quandoooo apriamoooo l’UOVOOOOOOOOOOOOO!!! ME L’HAI COMPRATOOOO L’uOVooooooo!!!”

E così via… già! 😥

Back to school…

… eh già cari amici di passaggio. Oggi son tornata a scuola dopo le vacanza pasquali… e mentre solo domani farò lezione, oggi mi sono sorbita la solita riunioncina… ma andiamo con ordine!!!

Partiamo anzi da PRIMA di Pasqua!

Godot riceve una telefonata. E’ la segretaria che dice: “Godot c’è una riunione il 9! Devi venire!” Io rispondo di sì, le chiedo l’ora della riunione e riattacchiamo. Il giorno dopo Godot riceve una telefonata. E’ il preside che dice: “Godot c’è una riunione il 9! Devi venire!” Io rispondo di sì, non gli chiedo l’ora e riattacchiamo. Circa 5 minuti dopo mi richiama e sospettoso che io voglia zombare in qualche modo la riunione grugnisce: “Perchè non mi hai chiesto a che ora?” Io gli accenno che me l’aveva già detto la segretaria e riattacchiamo.

Il giorno ancora dopo, ma sempre PRIMA DI PASQUA mi telefonano 2 colleghe con le quali vado da sempre d’accordo, che dicono: “Oh quest’anno tra una cosa e l’altra non ci siamo fatte gli auguri. Ci vediamo per un caffè!!!” io accetto e riattacchiamo.

Ancora un paio di giorni dopo (ma quanti giorni, mi sa che ho perso il conto!!!!) Una telefonata. E’ il prof di ed. fisica che mi dice: “Toh non ci siamo fatti gli auguri di Pasqua, ci vediamo e ti offro un caffè?” io dico di no… e riattacchiamo! :mrgreen:

Arriva il giorno del caffè… e va tutto secondo le regole… io poi parto, torno, e… mi trovo non so come 7 msg d’un botto. Tutti mandati nei giorni immediatamente precedenti e successivi a Pasqua… il cellulare se li era pappati, per rigurgitarli (BLEAH) solo al momento del mio atterraggio. 😯

Tra questi anche il msg del preside che dice: “Buona Pasqua ricordati della riunione!” e quello del prof. di ed. fisica che conclude con: “Con tanto amore!” 😯

ARRIVIAMO AL DOPO PASQUA… tempestato da telefonate e squilli del preside e della segretaria e delle colleghe… il risultato era sempre lo stesso: “La riunione La riunione La riunione!” HO CAPITOOOO!!!!

Avevo Capito… e infatti oggi son andata puntuale… e incominciano i commenti:

PRESIDE: “TOH! CHI SI VEDEEEE!!! Sembri uscita da un uovo di Pasqua!” (questa parola mia non l’ho capita!!!)

La collega d’Arte: “Ciaooo dopo ci prendiamo un caffè e spettegoliamo!!!” (ok… però non diciamolo davanti a tutti che spetttegoliamo sennò, parola mia, origlianooo!!!)

La collega che mi ha sostituito: “Tzè… sti giovani!!!” (poi però si è accorta di essere molto ma proprio mooolto indietro con il programma, nonostante la sua sia la sezione più disciplinata… ed è stata zitta… bontà sua!)

Il collega di Matematica: “UUUHHH La Sorella della Gruber!!!” (doppio gioco di parole giornalistico!)

Il collega di Italiano: “CHi?!” (ma è tonto… e parola mia non ci facciamo caso, gli vogliamo bene per questo!)

La collega di Tecnica: “Wè… io scappo!”  (Ok stammi bene!)

Il prof. di Ed. Fisica: “EHiii non ti è arrivato il messaggioooo!?” (EHM!)

La riunione alla fine è stata un gran guazzabbuglio con il prof. di Italiano che prendeva in esame le prove d’esame di matematica… la nuova prof. di musica che (parola mia) sbagliava i congiuntivi… il prof. di ed. fisica che sbavava su chiunque gli capitasse a tiro… credo anche che abbia cercato di guardare nello scollo a V del professore di Matematica… che se vi fosse passato di mente è un uomo… e chi più ne ha più ne metta…

… il tutto si è concluso con la solita solfa da parte del preside: “AH già… non abbiamo soldi… vabbè non fa niente. Insegnare deve essere un po’ una missione!!”

Io l’ho guardato e (parola mia) gli ho detto: “Sì però qui sta diventando una missione di sopravvivenza!!!” lui non è stato felice… ma gli altri ridacchiavano (tranne quella che mi ha sostituito!!!) 5 minuti dopo la battuta… ridacchiava anche il prof. di italiano, che avrete capito è un po’ lento!!!

La mega classifica delle occasioni più noiose per mettersi in ghingheri!

Salve gente… in attesa di qualche richiesta per il Jukebox… eccomi qui nel mio solito egocentrismo, pensando quindi che vi importi qualcosa dei miei assurdi scleri (perchè se non fossero assurdi non sarebbero scleri!)… dicevo?! Ah sì… eccomi qui a lagnarmi ancora una volta… di cosa?! Semplice… è praticamente iniziata l’estate e… è iniziata anche la stagione delle cerimonie!!! 😯

Iooo odioo la stagione delle cerimonie! Anche perchè praticamente con la mia famiglia mooolto numerosa e i miei pochi amici moooltoo festaioli… in questo periodo non faccio altro che salire e scendere da quegli odiatissimi tacchi!!!

Voi direte: “Bassina come sei i tacchi ti fanno bene!” Beh… ditelo ai miei piedi!!! 😦

Ma il problema non è solo nel tacco… è proprio nell’occasione! Diciamoci la verità io odio proprio le cerimonie in quanto tale con tutto ciò che comportano! Biglietti d’auguri da scrivere… ore e ore a prepararsi… ore e ore sui tacchi… ore e ore con un sorriso tirato che dopo per sbloccarmi la mascella ci vuole un antirugine…

Penserete che io sia acida e antipatica… no! Mi fa veramente piacere per parenti e amici che “cerimoniano”… ma perchè chiamarmi in causa?! Perchè sottopormi a questa tortura?! E poi diciamoci la verità il fatto che io ormai da un paio di anni sia sola come un cane non aiuta nemmeno un po’! Anzi… significa che oltre ai tacchi e alla lussazione della mascella per i troppi sorrisi devo anche subire gli sguardi compassionevoli degli “accoppiati” 😯

Le occasioni poi sono diverse e ognuna ha i suoi CONTRO… sebbene l’occasione in se possa essere definita un PRO!

Quindi ecco a voi una MegaClassifica delle occasioni più noiose!

9) La cena della vigilia, il pranzo di Natale, quello di Pasqua… chissà perchè dopo la prima portata solo i più audaci restano a tavola e gli altri si stravaccano sul divano?! Io?! No… nella mia famiglia chissà perchè vengo sempre relegata in cugina a lavare i piatti… beh… però almeno è una buona scusa per togliersi i tacchi! 😀

8) Il matrimonio dell’omino occhialuto… è una noia avere sempre questi occhiali da sole per tutto il giorno!!!

7) Il diciottesimo compleanno di qualche cuginetto/cuginetta… il cibo è orribile… la musica pure… e alla fine ti senti così vecchio che all’uscita dal megaparty vai subito ad internarti in un ospizio!

6) Il matrimonio di un parente… sei tra parenti… ed è una bella cosa… ma non ricordi i nomi di quegli zii di NONO grado… ed è una tragedia… perchè loro si ricordano di te… o almeno sembra… sembra perchè quando poi ti parlano di quella volta che sei emigrato in Paraguay… capisci che ti hanno preso per chissà chi! E intanto ti chiedi:_”Ma  ho qualche parente emigrato in Paraguay?!” 😯

5) Il fidanzamento della cugina/cugino… è una cosa tra pochi intimi… eppure hanno chiamato anche te… e sei obbligato in quanto cugino/cugina a far amicizia con tutti i parenti della parte avversaria… eh sì… avversaria… perchè si sa… il fidanzamento è come un match a chi ha la famiglia più bella/in gamba/simpatica! Mia madre all’ultima occasione del genere dopo aver ricevuto un complimento quasi quasi si esibiva in una ola con i genitori della cugina in questione!

4) Il matrimonio di un amico alla lontana… sei invitato/a… e non conosci nessuno… praticamente nessuno… quasi quasi non conosci nemmeno la sua altra-metà… e sicuramente confondi i genitori di lui con quelli di lei e viceversa!!! Così oltre all’umiliazione di dover spiegare perchè si è soli come un cane… subisci anche l’onta di sbagliare tutti i nomi degli altri invitati!

3) La festa di Laurea dell’amico fuoricorso… non vai all’università da anni e anni… ma poi un giorno all’improvviso una telefonata di un compagno di studi che non vedi e senti dai tempi della TUA festa di laurea… dopo 10 anni si è laureato… con il minimo dei voti… ma è venuto alla tua laurea e ti tocca… vai lì e lo senti disquisire per ore su come è andata la seduta… e ti viene in mente Samuel… e ti manca… ma quella è un’altra storia!

2) Il Battesimo del nipotino… sei la madrina o il padrino… non quello del film quindi non ti danno nemmeno un cannolo con cianuro per mettere fine alle tue sofferenze… oltre ai vari acciacchi da ghingheri quali il mal di piedi e il mal di mascella aggiungete un intorpedimento alle braccia per aver tenuto il pupattolo tutto il giorno in braccio!

1) Il Matrimonio del migliore amico… non il film… proprio la cerimonia… in cui… non sei parente, non sei nulla… ma… sei il testimone!!! Così che tutti si congratulano anche con te… e quelli che non ti conoscono chiedono quando è il tuo turno e alla dichiarazione: “MAI!” ti guardano con espressioni sconsolate come se tu avessi appena consegnato il biglietto del suicidio!

Ecco… queste erano le occasioni più noiose… secondo me… e secondo voi?!

Godot e l’abbraccio di Giuda… ma questi 30 denari fanno proprio gola?!

Ehm… perdooooooooooonooooooo non volevo essere blasfema… ma il titolo mi è uscito così!!! Ok! Dopo essermi per 2 secondi netti cosparsa il capo di cenere… ehm… nuovo modo di lavarsi i capelli!!! Dicevo?! Ah sì… passiamo a quanto stavo per raccontarvi… IL MIO RITORNO A SCUOLA!!! (A quelli più sensibili tra voi… sappiate che il mio MAIUSCOLO… non vuole essere un’infierire contro di voi… ma un’esclamazione all’ennesima potenza!) Comunque basta tergiversare…

Oggi ritorno a scuola… dopo che qualche giorno fa… incontrata una bidella (personale ATA per essere politically correct) la quale bidella mi ha detto: “Vi ho sognata… correvate… per questo ho capito che eravate voi!” Io ho detto: “Voi chi?!” e lei “Voi tu!” ehm… vabbè! Comunque… dopo averla lasciata per strada… mentre correvo e correvo in lungo e in largo… tondo e quadrato… per comprare tutto quanto di pasquale ci fosse in giro (pasquale la festa, non il nome di persona!) dicevo!?! Ah sì… l’ho lasciata per poi ritrovarmela oggi a scuola… che ha detto: “Vi ho sognato!” E io: “SI lo so!” E lei… “No di nuovo!” Mmm… la cosa mi ha fatto pensare non poco… perchè non essendo defunta… o almeno così mi pare non credo di poterle dare i numeri… “Dare i numeri sì!” ma non quelli del lotto… o a questo punto sarei ricca! Comunque… ha continuato: “Correvate!!!” E io ho detto: “Mmm… sì… ero io!” Comunque… la saluto e vado in classe… faccio le mie prime ore… e poi arriva l’ora fatidica…

L’ora fatidica… è quella in cui la mia ora s’incrocia con quella dell’odiatissimo prof. di ed. fisica!!! Il suddetto prof. oltre a rompere le uova di Pasqua nel paniere… disturba sempre la mia lezione entrando in classe e perdendo tempo! Anche perchè c’è quello scarto di 10 minuti tra le due sezioni… che fa sì che io abbia già incominciato quando lui arriva! Portando tra l’altro lo scompiglio generale… del tipo: “PRofssò! Jamme a giucà ropp!?” 😯 oppure dalle ragazzuole: “Proffììì! Oggi ho la tuta rosaaa!!!” 😯 Vabbè!!! Comunque… lui arriva e parte con la solita tiritera del perchè mi è antipatico… ma oggi… mi ha preso in contropiede!!! Che ha fatto?! Il giuuuuuuuuuuuuudaaaa!!! Mettendomi in imbarazzo davanti a tutta la classe… e facendo perdere la concentrazione a tutti i ragazzi che per il resto della lezione sghignazzavano! Grrrrrrrrr… che ha fatto?!

E’ entrato… ha risposto alle solite domande: “Giochiamo a pallavolo/Bella la tuta!” e poi si è girato e ha esclamato: “Godot!” e poi mi ha abbracciato davanti a tutta la classe 😯 Ehm! Ehm?! Ehm? Io l’ho guardato storto… non perchè strabica… ma perchè odio certe confidenze e gli ho chiesto: “Che c’è?!” Condannandomi da sola, senza saperlo alla condanna dell’ululato dei maschietti di terza e allo sghignazzamento delle ragazzuole… perchè?! Perchè la sua risposta è stata: “Ti abbraccio perchè non ti vedo da prima di Pasqua… e poi ti ho sognato! Correvi!” 😯 Ehm… ora gli avrei voluto dire… che non mi vedeva da Mercoledì scorso… non è tutto questo tempo… e poi MA CHE HANNO TUTTI CHE MI SOGNANO!!! IO SONO VIVA! Si sognano i morti… così che ti danno i numeri! Non me!!!!!!! Comunque sul suo “ti ho sognato!” Si è scatenato il putiferio generale!!! Comunque… dopo essere riuscita a riportare l’ordine, dopo ben 5 minuti… un record negativo per me… e aver cacciato il prof. con un sonoro: “Non mi pare un comportamento adeguato… FUORI! Devo far lezione!” a cui ha fatto seguito il suo solito: “Perchè non mi sopporti!?” Il mio cervellino si è messo a pensare!

Che ho pensato?! Che il prof. di ed. fisica ha trovato il modo per vendicarsi per tutti i miei supprusi… anche se solo psicologici… ossia?! Mi ha dato l’abbraccio di Giuda… lasciandomi con la classe nel totale scompiglio… in un istituto dei salesiani… il che significa la scomunica… e la A di Adultera come nella lettera scarlatta… mi chiedo solo chi gli abbia fatto venire questo diabolico piano… perchè lui da solo non ci sarebbe mai arrivato?! Almeno ho scoperto… perchè sono così stanca… se la notte invece di dormire vado correndo nei sogni di tutti… mi pare il minimo!!!!!

Il sensei e la sfida della pastiera rotante!

Cari amici dopo tanto silenzio credo sia il caso di tornare a far visita al nostro caro villaggio del periodo Edo noto a tutti come “A quel paese!”

Anche nel periodo di Pasqua la gente più simpatica veniva mandata a “A quel paese!” così il sommo Antonio-sensei e i suoi fidi… beh insomma… diciamo che Antonio-sensei e i suoi “INfidi” padawan…ehm… volevo dire… allievi decisero di proseguire come niente fosse gli allenamenti alla faccia di tutto e tutti… perchè a loro le visite non gli facevano un baffo… si dice che a Taglia-san facessero i capelli ma probabilmente si tratta solo di una diceria!

Comunque in questo mentre… quale mentre non si sa… fatto sta che tra tutte questa gente mandata a “A quel paese!” arrivò un altro temibile nemico per i nostri eroi… anche se di eroico avevano ben poco…  il temibile nemico si chiamava Pasquale-san… ehm… questo temibile shinobi con un sol lancio di uova di cioccolato colpì buona parte degli allievi della scuola del sommo Antonio-san… che guardando tutti i suoi allievi sgranocchiare disse: “Ohibò… e a me neanche un pezzettino di cioccolata allievi infami… ora vi punirò lanciandovi il famigerato struffolo d’acciaio!!!” Ma ci pensò l’allievo prediletto del maestro… il ninja solitario a fermarlo che disse: “Siamo fuori stagione per gli struffoli! Maestroooo!!!” Allora il maestro disse: “Ohibò… allora potrei lanciare una burrata!?” Ma sempre il ninja disse: “Ma maestro siamo già al dolce!” E il maestro disse: “Ohibò allora potrei lanciare una bottiglia d’amaro!?” Ma il ninja solitario rispose: “No maestroooo l’amaro noooo C’è psicosi-san che con solo 1 sorso d’amaro è in grado di svuotare tutti i magazzini del villaggio mandandoci alla rovina!” E il maestro disse: “MA allora ha proprio il verme solitarioooooO!!!” E Psicosi-san che era in zona disse: “Buoooooooonooo il verme in fricasseaaa!!!!” 😯

Comunque ci voleva una soluzione al problema… così  il ninja solitario e il sommo Antonio-sensei presero carta e penna e scritto: “ESEGUO” si misero a risolvere il problema dandosi allegre gomitate nelle costole per non far copiare l’altro!

Alla fine il maestro che aveva un pochetto la sindrome del primo della classe… o non avrebbe mai fatto il maestro… si alzò ed esclamò: “Ohibò! MA come ho fatto mai a non pensarci prima… la soluzione era qui davanti ai miei occhi…” Allora il ninja disse: “Maestro… sicuro di non essere strabico… perchè davanti ai tuoi occhi non c’è niente!” E il maestro disse: “Ohibò! Era un modo per dire che la soluzione è facile!!!” Detto questo si girò verso l’allievo prediletto e con fare amorevole disse: “@#*§!£%!” che era un vezzeggiativo segreto che significava: “TU che sei come un pugno nello stomaco a prima mattina!” Comunque… disse: “Ninja solitario… devi scrivere una lettera al temibile Pasquale-san e dirgli di recarsi qui… domani mattina… all’alba! Anzi… meglio alle 10… no meglio a mezzogiorno… forse preferirei  al tramonto… sì… però dopo la pennichella… dicevo?! Ah sì… recarsi qui per combattere contro di noi!”

Così il ninja solitario scrisse quanto segue:

“Vossignoria Pasquale-san… temibile shinobi

è invitato a scontrarsi con noi domani, dopo la pennichella del maestro!

Baci dal ninja solitario!”

L’indomani arrivò… e arrivò anche la pennichella del maestro… e arrivò anche Pasquale-san… e arrivò il maestro che si era appena destato dalla pennichella… e arrivò il caffè… poi visto che nel periodo edo il caffè faceva abbastanza schifo arrivò l’Ohibò del maestro… che sputato il caffè in faccia al suo allievo prediletto… produsse dalla sua manica una tazza di cha… poi arrivò il momento della battaglia… allora Pasquale-san disse: “In guardia!” e il maestro disse: “Ohibò… chi è questa guardia?!” Allora Pasquale-san disse: “Volevo dire combatti!” E Antonio-sensei disse: “Ah no… combatte il mio allievo per me… perchè l’altra volta ho avuto una katanata pazzesca e al solo pensiero mi gira la testa…” E il ninja disse: “Maeeeeeeeeeeeeeestrooooooooo grazie per la fiduciaaaaaaaaa!”

E così Pasquale-san si mise ad infierire, secondo i suoi standard, contro il povero ninja solitario… gli lanciò 789 uova e altrettante sorprese… ANCORA DA MONTARE ma il ninja schivava le uova… e MONTAVA LE SORPRESE!!! Pasquale-san era senza parole… e dopo un paio di ore fu anche senza uova… e il maestro Antonio-san prese un pezzo di cioccolata da un uovo sul terreno e disse: “Ohibò… ma è cioccolato purissimo!” E il ninja solitario disse: “HO vinto?!??!” Ma Pasquale-san disse: “Hai scansato le uova… ma io sono ancora vivo…” Allora Antonio-san prese la schedina e disse: “Ohibò… allora è X! Mannacciaaaaa sulla schedina avevo messo 1!” E il ninja solitario chiese: “1? Perchè sono il numero1 tra i tuoi allievi?!” Ma Antonio-san rispose: “No solo perchè giocavi in casa!” Poi arrivò l’arbitro e disse: “Andiamo ai rigori!” Voi vi chiederete che vi facesse un arbitro lì… sappiate solo che “A quel paese” ci andavano tantissimi arbitri… e arrivò il momento dei rigori… Pasquale-san finite le uova cominciò a lanciare tutto quello che gli capitava per mano… e il ninja schivava… e il maestro schiFava… e disse: “Ohibò… ma come farai mai a vincere senza lanciar mai nulla!” E il ninja esclamò: “Grazie maestro per questo grande insegnamento!” corse nell’alloggio del sensei e tornò con qualcosa tra le mani… UNA PASTIERAAAA!!! Che lanciò stile freesbee colpendo in fronte Pasquale-san… la Pastiera rimbalzò tornando tra le mani del ninja solitario… che la rilanciò sulla fronte di Pasquale-san… e così via… per più e più volte… finchè Pasquale-san che pareva un cervo… o un alce per tutti quei bernoccoli non si arrese… pappandosi tutta la pastiera… tutto questo con come sottofondo numerosi “Ohibò” del maestro…

Pasquale-san si allontanò dal villaggio… e il ninja solitario… contento si avvicinò al maestro e disse: “Il villaggio è salvo maestro…” E il maestro disse: “Ohibò” e il ninja proseguì: “E’ il momento di confessarti che in realtà io sono un koken!” E il maestro disse: “Ohibò” e il ninja chiese: “Non sei sorpreso maestro?! Mi chiedo come mai!?” E il maestro disse ancora: “Ohibò” e allora il ninja disse: “Vedo una lacrima sul tuo viso maestro… e comprendo che tu sia triste… ma non temere il fatto che io sia un koken non mi farà abbandonare la tua scuola! Commosso?!” E il maestro ingoiato il magone disse: “Quella pastiera… era MIAAAAAAAA!!!” E scoppiò in lacrime… e il ninja commosso si rivolse ai suoi compaesani e disse: “Il maestro è solo contento che la sua pastiera sia riuscita a salvare il suo allievo prediletto!” Tutti i suoi compaesani lo guardarono strano… ma lui pensò fosse per l’ammirazione… e saltellando andò a mangiarsi una fetta della SUA pastiera… perchè era troppo “zucosa e alta” per sprecarla lanciandola contro il nemico!