L’impegno di un blog si capisce… dal termine di ricerca più cliccato!

E’ vero… i blog sono piccole finestre sull’universo che c’è all’interno di ognuno di noi. Sono praticamente dei “diari” un po’ più o un pochetto meno “creativi” Ma senza dubbio, a differenza che sulla carta stampata, quando scriviamo su un blog lasciamo correre più velocemente la tastiera (sempre che non si scriva con un dito per mano!) fregandocene altamente dello “stile”! Non è così!?

Ora… molti di voi, o almeno i visitatori di vecchia data, anche se questo blog è ancora alquanto giovane, sapranno perchè io ho aperto questo blog.

Se non lo sapete o non lo ricordate, oltre che consigliarvi la consueta curetta di fosforo, ve lo ricordo io! Samuel! Quante volte mi avete sentito nominare Samuel?! Uuuuuuuuuuuufff! Un sacco di volte! Samuel, lo strizzacervelli consigliatomi dal mio editore, dopo mesi di “magra creativa”… mi consigliò di scrivere un diario… io perdevo però di continuo questo diario… e così… per mia scelta… ho pensato che un blog potesse andar bene lo stesso.

Certo, non mi aspettavo di trovare tanti amici di blog, ma comunque… era una notte buia e tempestosa quando… ah no! Scusate… dicevo?! Ah sì… iniziai questo blog, senza sapere bene di cosa avrei parlato! O meglio… scritto.

Eppure… eppure oggi, guardando un po’ il conteggio dei termini di ricerca etc. mi sono resa conto di cosa parla veramente il mio blog!

Indovinate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Non indovinerete mai!

1) Secondo alcuni potrebbe parlare di Piero Angela… ehm… no! Diciamo che sebbene venga spesso scomodato da noi per spiegarci i MISTERI della VITA… questo non è il “Blog di Piero Angela!”

2) Secondo altri questo blog parla della Signora in Giallo… o al massimo del maggiordomo colpevole di ogni delitto commesso di qui a un km… ma nemmeno… anche se possiamo vantarci di aver incastrato un mucchio di maggiordomi su queste pagine!

3) Per altri parla di una pazzoide e dei suoi problemi… beh vi ammetterò che questa era anche la mia opinione… ma evidentemente non è così!

4) C’è l’intero fan club del prof. di ed. fisica che è convinto che questo sia il suo blog… NO!!!! SciòSciò! Via! Questo blog al massimo progetta mille nefandezze nei suoi confronti!

5) C’è chi pensa che questo sia il blog di una cartomante o di un’astrologa… viste le quantità di volte che è stata cercata la parola “oroscopo”… ehm… veramente qui, in questo blog ci sono vari oroscopi… ma ATTENTI sono tutti TAROCCATI… il che non significa che son fatti con i Tarocchi… ma che sono FASULLI!

6) C’è qualcuno che pensa sia un blog di Viaggi… sì ne parlo… ma solo dei miei… il che non significa che non voglia darvi dei consigli… ma questo non è il blog del Touring Club!!!!!!!

7) C’è chi ha scambiato questo blog per una succursale del ministero dell’istruzione… ma per caritàààà! Ma se non digerisco la Gelmini e tutti loro!

8) Psicosi ha scambiato questo blog per il blog dell’omino occhialuto… ma nonstante il suo presenzialismo NO!

La verità almeno secondo i termini di ricerca… insomma The winner is… (con ben… parola mia non sto barando… 523 “ricerche”… insomma questo blog parla di:

Qui Quo Qua! 😯

Non avete capito male… proprio Qui Quo Qua i nipoti di Paperino che in realtà si chiamano Huey Dewey Louie e che ho citato per casoooo una sola voltaaaaaaaaaaaaaaaaa! Mesi e mesi fa!!!!!! Ora non vorrei MAI spacciare questo blog per un blog “serio”… per carità… ma Qui Quo Qua!!! Eddaaaaaai! Non sappiamo manco se sono i figli i nipoti o altro di Paperino!!! Non si sa manco a chi appartengono! (Napoletanismo per dire che non sappiamo chi sia la loro famiglia…) Si dice che la mamma sia la sorella di Paperino… ma chi cavolo è il padreeeeee!!!!!!!!

Comunque… e nei vostri blog?! Qual’è stata la parola più cercata?!

La Signora in Giallo presenta… Come dare buca a Piero Angela!

Potremmo definire questo post appartenente alla categoria Jukebox… visto che anche se non chiesto palesemente… dovrebbe comunque tornare utile alla vita sociale di Psicosito!

Comunque… c’era una volta… in un paese lontano lontano… la Signora in Giallo! La Signora in Giallo che portava abbastanza male, dato il buffo binomio: Festa/omicidio… nel senso che ogni volta che andava a una festa c’era un omicidio… andò per l’appunto a una festa! 😯 E mentre tutti gli invitati non bevevano e mangiavano per paura di venire avvelenati… non parlavano tra di loro per paura di essere poi incolpati di qualche omicidio… non ballavano per timore che il lampadario di cristallo di boemia gli cadesse sul cranio… non facevano praticamente nulla… la Signora in Giallo si rivelò l’anima della festa… anche perchè gli altri erano immobili quindi!

Fu tanto il suo fascino quella serata che un uomo se ne invaghi follemente… era Piero Angela… l’unico oltre la Signora in Giallo a non stare immobile… perchè lui con i cadaveri ci faceva i servizi speciali di SuperQuark… a circa 100 anni dopo la morte… ma era un uomo paziente!

Così paziente che l’avvicinò e le disse:

“La Signoras in Giallos è una specie rara e altamente iettatrice che porta male a chiunque abbia qualche scheletro nel cassetto/armadio/bagno… e si rechi a qualche festa… infatti questo individuo diventa subito: “Individuos stecchitus grazies alla presenTia della Signoras in Giallos al Partyus dellittuosus!” Onde però evitar confusioni, cari amici di SuperQuark… vi dirò che la Signoras in Giallos a me piace un sacco anche per quel suo aspetto leggermente mummificato che mi ricorda tanto Tutankamon!”

E dopo questa bella chiacchierata le chiese di uscire… pazientemente perchè si sa che Piero Angela è un uomo paziente…

Era un uomo paziente… ma vivo… quindi alla Signora in Giallo interessava ben poco… così poco che decise di dargli buca… rifiutando e bocciando le sue numerose richieste di “appuntamenti galanti”… a.k.a. “Rendez-vous!”

Non si sa perchè non volesse cedere alle “Lusinghe” di Piero Angela… forse il suo paragonarla alla mummia di Tutankamon l’aveva messa in imbarazzo… forse il chiamarla iettatrice aveva fatto sì che si montasse la testa… fatto sta che non voleva saperne di uscire con lui… così convocò tutti gli invitati alla festa nella biblioteca e cominciò:

“Miei cari qui, in questa festa è stato commesso un invito! E a commettere questo invito chi è stato!? Potremmo supporre che sia stato lo sceriffo… che mi ronza sempre intorno e che sembra non avere famiglia sua… e allora io potrei accettare per dover parlare di tutti i delitti commessi… Potrebbe essere stato il dottore… e visto che ho un’età un appuntamento dal o con il dottore mi fa sempre comodo!

Nel caso però… che sia stato Piero Angela… sono costretta a rifiutare dato che:

1) Quella sera devo fare da babysitter al figlio del fratello del cognato del cugino della sorella della mamma di mio nonno!

2) Quella sera devo scrivere l’ultimo capitolo del mio ultimo libro giallo dal titolo: “Chi ha incastrato Roger Rabit!”

3) Quella sera devo farmi la manicure!

4) Quella sera ho lezione di Yoga… dopo la lezione di Yoga ho lezione di Yomo… ossia come si fa lo Yogurt!

5) Quella sera ho già un appuntamento con lo sceriffo… dopo con il dottore… richiama di qui a 5 anni… e forse riesco a liberarmi per 5 minuti!

6) Quella sera devo piangermi addosso perchè sono appena uscita da una storia importante che è finita male quando Lui, il maggiordomo, è stato arrestato per l’omicidio di una mia cara amica che aveva dato una festa in casa sua e sai com’è…

7) CofCof! Quella serà avrò l’influenza! E anche la tosse e il mal di gola… quindi non posso proprio uscire con te!

8) Quella sera verrà a trovarmi l’omino occhialuto… ci siamo messi d’accordo 5 minuti fa… se l’avessi saputo prima che volevi invitarmi a uscire … non avrei mai accettato… ehm… di uscire… ehm… vabbè!

9) Quella sera non esco perchè alla TV trasmettono SuperQuark… non me ne perdo una puntata!

Quindi caro Piero Angela sono costretta a rifiutare il tuo invito… ma come mi dispiaceeeeeeee!!!!”

Il povero Piero Angela allora giratosi verso la telecamera… anche se in realtà non c’era… disse: “Questa è l’ultima fase della mutazione genetica in Homos Scaricatus con un bernoccolus sulla frontes dopo quel palus che ha presus!”

Stava andando a casa… afflitto quando all’improvviso si udì un urlo… la padrona di casa era stata trovata morta… tutti incominciarono a preoccuparsi di essere condannati… ma la Signora in Giallo si fece largo tra la folla e disse:

“Nonostante il suo non mangiare o bere per ore potrebbe portare alla conclusione che sia morta per disidratazione e fame… io so già chi è stato! Ovviamente il maggiordomo… quindi arrestatelo!”

E così mentre il maggiordomo veniva ancora una volta arrestato… e La Signora in Giallo si “ciaciava” nella sua gloria… Piero Angela sparì all’orizonte… come fanno i cowboy che hanno preso un palo dalla ballerina del Saloon nei film western, con tanto di musichetta in sottofondo… e intanto pensava: “Signora in Giallo chissà se alla prossima festa riuscirò ad avere il tuo numero!?”

Il mistero della pietra vestita di rosso!

Benvenuti amici all’ultima puntata di questa settimana del JukeBox! Ultima puntata in cui accontentiamo le richieste di Michi… che voleva un post su Indiana Jones e il ladro di ciliegie che in un momento di crisi mistica mi ha scritto tra le richieste una frase su un vestito rosso. Entrambi dedicano questo post con queste frasi: “Ma come! Non ci conosciamo e ci metti insieme nel post!!!!”

Ma bando alle ciancie… che saranno poi queste “ciancie”?! Boh! Dicevamo… bando ai convenevoli e andiamo avanti con il post dal titolo:

Il mistero della pietra vestita di rosso!

C’era una volta Indiana Jones… Indiana Jones era cresciuto con le scimmie e… no scusate quello era Tarzan!

C’era una volta Indiana Jones… Indiana Jones era cresciuto con i lupi… no! Quello era Mowgli! O Romolo e Remo… o Kevin Costner!

C’era una volta Indiana Jones… non sappiamo con chi fosse cresciuto… ma sappiamo che era un esploratore… no forse era un paleontologo… no forse era un archeologo! No… non sappiamo cosa fosse Indiana Jones… ma ci piace assai!

In una delle sue numerose avventure Indiana Jones trovò una pulzella esploratrice che disse: “Toh guarda Indiana Jones! Ma sai che mi sono sempre chiesta… come sarà mai il sergete Garcia da vicino?!” E Indiana Jones disse: “E mica sono zorro!!!” e andrò via lasciando la pulzella esploratrice con un gran punto interrogativo sul volto ❓

Tornato a casa Indiana Jones si voleva fare la doccia… ma non ci riuscì perchè ricevette una telefonata… e perchè ci piace leggermente infangato!

La telefonata era di una sua antica fiamma… la pietra verde… ehm sì perchè Indiana Jones aveva proprio una passione per le pietre! Che fosse un gioielliere!? BOH!

La pietra verde comunque disse: “Indovina perchè mi sono vestita di rosso?!” E Indiana Jones rispose: “E che ne so mica sono Silvan!” Ma mentre erano al telefono… all’improvviso Indiana Jones sentì la sua ex urlare… “Aiutooooooo!” E poi tonfi su tonfi finalmente la linea cascò! E lui disse:  “Oh no! La pietra verde vestita di rosso è in pericolo! Devo salvarla!” E così andò in un antico tempo Maya! Perchè le pietre verdi vestite di rosso e rapite da chissà chi si trovano sempre nei tempi Maya!

Il tempio non aveva Campanello… così Indiana Jones fece l’Indiana Jones della situazione e chissà come iniziò a zombettare… e arrampicarsi e a usare liane (il che spiega perchè lo confondiamo con zorro) tentando di entrare… finchè… appoggiatosi a un masso non sentì: DLINDLON! 😯

E mentre Indiana Jones rimaneva esterefatto… ad aprirgli arrivò Piero Angela, che una volta guardatolo in faccia disse: (con la consueta musica in sottofondo)

“L’Indianus Jonesus esploratores evolve allo stato di Indianus Jonesus ebetus quando si dimentica che c’è sempre un masso all’entrata del tempio che gli facilita l’entrata! Quasi sicuramente si dimenticherà anche che il tempio Maya era noto ai suoi tempi con il nome di Tempius MAYAtevenne prima che la maledizione di qualche cadavere non vi piomba sulla testa!”

Una volta finita la musica… e una volta tornato il colorito a Indiana Jones i due si salutarono con Piero Angela che disse: “Ora vado altri meravigliosi e avventurosi documentari mi attendono! Ero qui solo per fare una comparsata!”

Ma Indiana Jones non si fece distrarre dal suo mito! Ehm! Vabbè… non si fece distrarre… ed entrò nel tempio Maya!

Nel tempo Maya ovviamente Indiana Jones trovò una trentina di trappole mortali, un serpente velenoso, uno scorpione… ma lui era fresco e riposato come una rosa… eccetto per il fango… ma quello non si è mai capito da dove provenisse!

Quando arrivato alla stanza del tesoro… chi ti trova davanti?!!! La Pietra Verde vestita di Rosso… che disse: “Toh!” E lui: “Ma scusa… ci siamo lasciati da un decennio… e mi chiami proprio due minuti prma di essere rapita! Eh ma insomma! Un po’ di contegno!!!!” Ma il “Toh!” Non era un’esclamazione ma l’ultimo respiro della pietra (ammesso che le pietre respirino) che morì sul colpo.

Dall’ombra… mentre Indiana Jones si disperava… una risata malefica risuonò per tutto il tempio Maya… “Sei arrivato in ritardo Indiana Jones!”

Il nostro protagonista si girò… e vide il suo nemico di una vita 8) L’omino occhialuto!

“Toh!” Disse Indiana Jones… “Toh!” disse l’omino occhialuto!

I due erano andati all’asilo insieme… e da allora era sempre stato odio a prima vista… immaginateveli… due bambini dell’asilo… Indiana Jones già sporco di fango e con il suo cappello da esploratore… l’omino occhialuto già con gli occhiali da sole! CHE TENEEERIIIIII!!!!

Così teneri che i due… incominciarono a darsele di santa ragione all’urlo di: “La merenda è miaaaaaaaaaaa! Non te la doooooooo!!!!! Non copiare!!!! La maestra voleva più bene a me!!!!” 😯

E veramente se le stavano dando di santa ragione… lanciandosi scorpioni e simili appresso… quando dall’ombra… arrivò… arrivò… la loro vecchia maestra… La Signora In Giallo!!! Che disse: “Bambini! Fate silenzio!!! Cos’è questa confusione… non si litiga così tra compagni di classe!!! Toh! Un cadavere…chi sarà stato!!!”

Indiana Jones alzò la mano e disse: “E’ stato luiiii!!! Maestra e poi mi ha picchiato!!!!”

L’omino occhialuto scoppiò a piangere e disse: “Non sono stato iiiiiooooo è Indiana Jones che mi ha tirato i capelli!”

Indiana Jones guardò l’omino occhialuto e disse: “Quali capelli!” Ed effettivamente 8) non è che ne avesse un granché!

Ma l’omino occhialuto disse: “Maestraaaa Indiana Jones mi prende in giroooooooo!!!”

E la signora in Giallo… con somma pazienza disse: “Calma bambini… sapete perchè la pietra verde si era vestita di rosso?!” E Indiana Jones ricordò la telefonata… e pensò… “Cacchio!!! A saperlo la stavo a sentire… ora rischio l’insufficienza!” Ma la Signora in Giallo non l’interrogò e continuò: “Perchè il vestito glil’ha dato il maggiordomo. Era rosso perchè era intriso di veleno! Quindi il colpevole è il maggiordomo!”

E Indiana Jones e 8) dissero: “Ooooooooooooooohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!”

E anche voi direte “Ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh” Quando capirete tutte le cavolate che ho scritto! 😉

Aspettando il Giandujot… agente occhialuto indaga!

Benvenuti al quinto post del JukeboxSempreUnaParola! Richiesto da KarmaBurning… questo post… non è un post… è un appello… Il Giandujot è scomparso da più di una settimana… e KarmaBurning ha chiesto in prestito questo blog per fare un appello! Infatti dichiara: “Riportatemi Giandujot, pagherò ogni riscatto… ma non fategli del male!”

Giandujot è stato visto per l’ultima volta al funerale di Re Carnevale… dopo un’accesa lite con KarmaBurning… il Giandujot è partito, scappato, diretto qui! Da me… ma io… lo sto ancora Aspettando!

Ha una faccia triangolare… corpo triangolare… tutto triangolare… l’ultima volta che l’ho visto era vestito di dorato!

Il Giandujot, purtroppo sappiamo aveva pessime PESSIME amicizie… anzi sembra che avesse anche una mezza relazione con un PocketCoffee… sposato e violento! La polizia lo sta interrogando da tre giorni!

L’agente occhialuto di cui vediamo una foto 8)  ha infatti dichiarato: “Lo stiamo mettendo sotto torchio… se è stato lui lo prenderemo! Se non è stato lui NON lo prenderemo! Quello che sappiamo è che l’indiziato sembra essere sotto un forte effetto da caffeina! E non ne capiamo perchè!”

Intanto nei Tg, nei giornali e nei blog!!! La notizia dilaga… sembra… sembra… che qualche utente del blog sia stato visto con i baffi di cioccolata! Cioccolata gianduia!!!!!!!

Ancora una volta l’agente occhialuto 8) dichiara: “Abbiamo molte piste… potrebbe essere stato un delitto passionale… forse voleva lasciare il PocketCoffee e quest’ultimo in preda a un raptus l’ha annegato nel caffè! Oppure la moglie del PocketCoffee… MonCheri… potrebbe per la gelosia averlo fatto fuori… causandone un coma etilico… e il decesso! C’è il rischio che qualche lettore pazzoide di qualche blog ancora più pazzoide ne abbia fatto torte e se lo sia pappato! Ma la pista che temiamo di più è quella del rapimento! Qualche malintenzionato, attirato dall’avvenenza del Giandujot potrebbe averlo sequestrato!”

Intanto in un momento di autocelebrazione m’intervisto anch’io, in quanto amica fraterna del Giandujot… Godot dichiara: “Era tanto un bravo Giandujot! L’aspettavo per la merenda… ma non è arrivato… all’inizio ho pensato a uno scherzo… ma nulla! So che stava venendo da me… perchè KarmaBurning mi aveva avvisato… so anche che voleva presentarmi il PocketCoffee della sua vita! Ma a detta di tutti non era il PocketCoffee giusto per lui! Mi manca tanto!!! La sera… ci penso e piango… finchè non lo ritroveranno… o non ritroveranno la sua carta-cadavere… non avrò pace!!! In ogni vetrina di bar… in ogni supermercato… a ogni Giandujot che vedrò penserò: Che fine ha fatto? Il mio Giandujot!!!”

L’agente occhialuto intanto dichiara 8) “Stiamo scandagliando i fiumi, i laghi, i lavandini… la scena del crimine è sotto esame della scientica! Spero che nessuno pensi di lasciare il paese… finchè non si troverà Giandujot sarete tutti indiziati… non c’è maggiordomo o altrimenti, come mi ha insegnato la mia mentore la Signora In Giallo, l’avrei già accusato… quindi… non essendoci maggiordomo… deve essere stato uno dei suoi amici più vicini! Prima o poi troveremo Giandujot! E lo riporteremo sano e salvo!”

Eppure il pensiero c’è… il pensiero che l’agente occhialuto sia sulla pista sbagliata… il pensiero che in un atto di autolesionismo… il Giandujot si sia fatto del male… forse si è steso al sole… per morire squagliato e squacchiarato sull’asfalto! Ed io… qui!  Ad aspettarlo… voi non potete capire… nemmeno KarmaBurning, nonostante i sensi di colpa per essere stato l’ultimo a vedere Giandujot in vita, nemmeno lui può capire… non potete capire la mia sofferenza… un Giandujot, il mio Giandujot mi è stato portato via… e ora come faccio a vivere senza di lui?! Come faccio a rimediare a questo calo di zuccheri?!??!?!?!?!?

Delitto a Carnevale… ogni scherzo vale per la Signora in Giallo!

Oggi… è l’ultimo di Carnevale… quindi preparatevi gente… per strada vedremo belve feroci quali leoncini e tigrotti… di solito di meno di 2 anni! Pirati e banditi… dai 3 anni ai 6 anni! Ninja e cowboy dai 7 anni ai 10 anni! E chi più ne ha più ne metta! Eppure da bambina… si sa che non ero troppo normale… questo giorno mi metteva una tristeeezzaaa!! Ma una tristeeezzaaa… che non potete rendervi conto! Why?! Semplice… tutta colpa di una maestra che disse una frase del tipo: “Oggi è il giorno della morte di Re Carnevale!” 😯

Ora io… creaturella all’epoca alquanto bizzarra… pensai e chiesi… “Chi l’avrà ucciso!?” La maestra mi corresse e disse: “No si è ucciso da solo con il troppo mangiare… per questo mangiamo tutti tanto in questo periodo!” Mmm… al momento non chiesi altro… perchè tutti si raccomandavano di non fare domande troppo strane… ma oggi… se quella maestra per puro caso dovesse passare dal blog le chiedo quello che avrei voluto chiederle allora:

“Non capisco… è morto lui abboffandosi e dobbiamo schiattare per questo anche noi?! C’è qualcosa che non mi quadra mi sa tanto di un suicidio montato ad arte per dissimulare quello che in realtà… è un OMICIDIO!”

Verifichiamo i fatti… c’è la scena del delitto… ossia la tavola… dove è stato trovato Re Carnevale… morto (oh ma com’è allegro questo post!) Arriva la polizia da telefilm e con il gesso disegna la sagoma… poi si porta via il cadavere per fare i suoi “accertamenti”! La polizia… arriva alla conclusione che sia stato un suicidio… ma in realtà…

Fortuna che di passaggio c’è La Signora in Giallo… che probabilmente è solo una bambina vestita da Ape Maia… di qui il giallo… ma per quanto possiamo saperne noi… potrebbe essere anche La stessa Signora in Giallo a essersi vestita da Ape Maia… (brrr… non so perchè mi vengono i brividi al pensiero! E pensare che se i traduttori fosseo stati più fedeli al titolo “Murder She Wrote” tutti questi equivoci sul “Giallo” non ci sarebbero!) Comunque… ovviamente la Signora in Giallo era parente della vittima… e qui tutti ci chiediamo ancora una volta… “Ma portasse male essere imparentato con la Signora in Giallo?! No, perchè muoiono come mosche!”

A questo punto l’Ape Maia vestita da Signora in Giallo… o forse era l’opposto… prende in rassegna i sospettati:

1) T come Tigro… che zombettando zombettando potrebbe aver fatto andare di traverso la castagnola a Re Carnevale… ma T come Tigro ha un…

… Alibi! All’ora del delitto la mamma gli stava cambiando il pannolino!

2) Cenerentola… che mollata dal principe che le ha preferito una cubista… ha cercato di sposare Re Carnevale… cucinando di tutto un po’ e facendolo così “annozzare!” letteralmente… ma anche lei ha un…

…Alibi! All’ora del delitto i topolini le stavano prendendo le misure per un nuovo vestito!

3) Samuel… maschera amata da tutti i bambini psicopatici… potrebbe aver tentato di psicanalizzare Re Carnevale… spingendolo così a mangiare per la depressione… e morire… ma anche Samuel ha un…

…Alibi! All’ora del delitto stava rompendo le scatole a Godot!

4) Il poliziotto… o anche il carabiniere… dipende da che disponibilità c’era al negozio… è armato! Ma anche lui ha un…

…Alibi! All’ora del delitto stava sparando  a qualche nonno che faceva finta di morire!

5) Il nativo Americano… perchè chiunque ha visto un film western sa che DEVONO essere cattivi! Peccato che anche lui abbia…

…Alibi! All’ora del delitto stava legando il nonno per dargli fuoco dopo cena!

6) Il cowboy… lui DEVE essere buono… ma Re Carnevale per quanto ne sappiamo noi poteva benissimo essere il capo dei Sioux! Ma anche il cowboy ha un…

…Alibi! All’ora del delitto stava prendendo al lazzo il cuginetto “nativo americano” mentre questo legava il nonno!

7) Il personaggio dei cartoni animati… con la sua arma segreta qualunque essa sia… potrebbe benissimo aver ucciso il povero Re Carnevale… ma lui ha un…

…Alibi! All’ora del delitto era in TV per un’altra puntata del suo cartone!

8) Omino occhialuto… il costume più amato dai bloggers e affini… avrebbe potuto accecare Re Carnevale con il riflesso del sole sui suoi occhiali, il povero Carnevale allora si è fatto andare di traverso quello che mangiava morendo sul colpo o quasi… ma non è possibile perchè anche lui come tutti gli altri ha un…

…Alibi! All’ora del delitto stava comprando un altro paio di occhiali!

9) Il pirata BarbaNera BarbaBlu BarbaRossa BarbaMulticolor (sempre secondo la disponibilità del negozio!) con il suo uncino potrebbe aver fatto fare al povero Re Carnevale una brutta fine… peccato che abbia un…

…Alibi! All’ora del delitto stava assaltando la nave dell’Ammiragliato… di qualsiasi paese!

10) Barbie… potrebbe aver ucciso Re Carnevale con l’arma da fuoco di Barbie non contenta averlo investito con l’auto di Barbie e averlo seppellito con la Bara di Barbie… ma ha un…

…Alibi! All’ora del delitto stava pedinando Ken che non vuole proprio saperne di pagarle gli alimenti!

11) Ken… pur di pagare gli alimenti a Barbie potrebbe aver ucciso Re Carnevale in seguito a un tentativo di rapina… ma non è possibile… ha un…

…Alibi! All’ora del delitto si stava ossigenando i capelli… scordandosi irrimediabilmente delle sopracciglia che gli rimarranno nerissime!

12) Il ninja… con la sua lama rotante e qualche altra arma ninja per lui sarebbe stato un gioco da ragazzi uccidere Re Carnevale… ma anche il ninja ha un…

…Alibi! All’ora del delitto stava dicendo al suo sensei che in realtà lui è un KOKEN!

Ma allora voi direte: “Era vero che si era ucciso da solo?!” No! Perchè alla Signora in Giallo… anche quando è vestita da Ape Maia non si sfugge… è stato l’ultimo indiziato:

13) IL MAGGIORDOMO! Non sappiamo come e perchè… all’ora del delitto aveva anche qualche impegno… ma è Maggiordomo e in quanto tale il colpevole!!!

Eh! Quante volte volete che la povera Signora in Giallo ve lo ripeta!!! Il colpevole è sempre il Maggiordomo… e se così nn dovesse essere che importa… possiamo sempre fargli credere che la “carcerazione preventiva” sia uno scherzo… e si sa che a Carnevale ogni scherzo vale! No!?! 😉

A.A.A. Cercasi saldo accessoriatissimo con mastercard!

Si salvi chi può! Mamma mia che folla! Ebbene sì gente! Sono appena tornata da una drastica mattinata di SALDI! Diciamoci la verità ogni antropologo prima di dedicarsi a qualche sperduta tribù aborigena dovrebbe studiare usi e costumi dell’acquirente in saldo! Non nel senso che ti compri l’acquirente al 50% ma nel senso che l’acquirente compra le cose in saldo!

Ovviamente tra i vari compratori possiamo dividere varie “categorie”… eccole qui!

1) Acquirente previdente… è amico di tutti i negozianti! Passa il giorno prima dell’inizio dei saldi e commenta: “Bello quel golfino! ME lo tieni da parte, cara!?” “Belli quei jeans! Puoi nasconderli nel retro! Bella?!” “Bello quel ragazzo… ah non è un ragazzo? E’ un manichino?! Beh non fa niente… mettimelo da parte lo stesso che mi può tornare utile!” Dopo questo “passaggio” previdente… il giorno dei saldi l’acquirente… va… ritira… paga, in saldo! Scavalca la ressa omicida di tutti gli altri compratori e paga con un sorriso a 78 denti… con Mastercard!

2) Compratore della domenica… i saldi li vede solo di domenica… durante il resto della settimana lavora…ed in ufficio commenta… “C’era quel maglioncino! Quel cappotto! Quelle scarpe!”  Ma ha poca speranza di riuscire a comprare qualcosa! Perchè di Domenica escono tutti e prima di avvicinarsi a “quel maglioncino… etc. etc.” deve assicurarsi di essere armato fino ai denti! A volte… riesce a comprare un bottone per il cappotto di tre anni fa… ma è ancora vivo… paga con un sorriso a 67 denti… perchè il cappotto vecchio gli va ancora segno che non è ingrassato… con Mastercard!

3) Il professionista… dottore/avvocato o qualcosa del genere… va per saldi che sembra un manichino… e deve difendersi dalla vecchietta di 90 anni che cerca di strappargli la cravatta per comprarla… in saldo… al figliolo al ventitreesimo anno fuori-corso… ma non deve temere… le commesse nubili lo difendono… sempre che sia stato attento a togliersi la fede dall’anulare… e lo scortano personalmente alla cassa… mentre paga sorride al 52 denti, pochi per lui… perchè ha paura che l’amica della moglie l’abbia visto comprare quel baby-doll per l’amante… con Mastercard!

4) La vecchietta di cui sopra! Dopo non essersi riuscita ad impossessare della cravatta di quello strano manichino umano… decide di comprare al figliolo al ventitreesimo anno fuoricorso… un pigiamINO… un maglioncINO… tutto INO anche la tintura di capelli per il figliolo ha il diminutivo… chiama “care” tutte le commesse nubili… perchè vorrebbe tanto trovare in saldo una moglie per il figlio… e paga sorridendo a 50 denti… grazie alla dentiera e a Maestercard!

5) La vecchietta che avevamo trovato in mia compagnia mesi fa sull’aereo per la Turchia! La belva assatanata di sangue umano! Si è trovata un amante di 70 anni più giovane di lei, professione Steward… lo porta a guinzaglio e lo veste griffato! Quando paga sorride  44 denti… il povero Steward no! Con Mastercard!

6) La mamma di famiglia… donnina amorevole… tramutatasi per uno strano scherzo del destino in una killer senza scrupoli… se ti avvicini al cappottino che voleva comprare per la figliola prima ti soffoca con la sciarpa comprata in saldo al 60% poi occulta il cadavere tra le ciabatte al 20% e presasi il cappotto sotto braccio compare in differente va alla cassa… sorridendo con 36 denti… e guardandosi attorno nella speranza che non ci sia la polizia… con Mastercard!

7) Il padre di famiglia… più che altro è un lacchè! Non sceglie… ha solo le braccia tese in avanti dove, moglie, suocera, figlia, figlio, e a volte anche il cane… buttano tutto ciò che lui andrà a pagare alla cassa sorridendo con 28 denti con Mastercard!

8) Omino occhialuto… cerca solo occhiali che siano in saldo oppure no… non sorride mentre paga con Mastercard… anzi non paga… perchè la commessa accecata dal riflesso di quel pallido sole sui suoi occhiali a specchio è svenuta… e lui ne approfitta per svignarsela!

9) La signora in giallo… compra tutto quello che è giallo… e scopre anche il vostro cadavere tra le ciabatte… incolpa il maggiordomo… che si era appena preso un foulard giallo… lui va in carcere, lei si impossessa della sciarpetta… paga sorridendo con 18 denti… perchè il dentista a sbagliato a farle la dentiera… con Mastercard!

10) Piero Angela… compra tutto quello che c’è dell’era paleolitica… metozoica… periodo edo… e illustra il processo di produzione della seta, del cotone e della lana alla commessa che cade in catalessi. Lui pensa che sia un omaggio alla sua sapienza e va via senza pagare… sorride sempre a labbra chiuse e tutti noi non sappiamo se abbia i denti oppure no!

11) Acquirente Samuel… va a psicanalizzare le commesse che non hanno messo il cartellino con il doppio prezzo vicino ai capi che gli interessano… crede che abbiano il “blocco del cartellino” paga sorridendo con 8 denti… gli altri glieli ha fatti cadere Godot mettendogli lo sgambetto nei camerini! Con Mastercard!

12) Compratore Koken… lui acquista tutto quello che c’è di ninja… poi arrivato alla cassa si ricorda di essere un koken e lascia tutto lì! La commessa è esperta di arti marziali e gli fa un “Paliatone esaggerato”… lui ci ripensa subito e compra quello che aveva preso prima… paga sorridendo con 1 dente…perchè gli altri li ha lasciati alla commessa in ricordo… con Mastercard!

13) Acquirente Godot… si sveglia e pensa di farsi uno zabbaglione di 12 uova per essere in forza… ma non ha le uova e si prende solo il solito caffè… esce agguerrita… guida come Mansell… parcheggia come un abusivo… si commuove alla vista del cartello 70%… si impossessa di tutto quello che le piace… e alla fine va in casa al verde… perchè non ha Mastercard!

E quando Perry Mason incontra quelli di Law&Order… la rissa è assicurata!

Salve a tutti! 😀 Oggi il mio contorto cervellino, contorcendosi ancora di più, mi ha fatto soffermare su una cosa… i telefilm polizieschi &co. (il “&co.” indica in questo caso Telefilm su avvocati, su procuratori, su giudici, su carabinieri, su investigatori privati, su ficcanaso che cercano l’assassino…)

Già! Perchè c’è un paradosso bello e buono in tutti questi telefilm… definiti dai più MOLTO realistici… i protagonisti NON SBAGLIANO MAI!

Infatti gli agenti di Law&Order sono mai andati a casa senza il colpevole? No! Magari ci mettono un’oretta del vostro pomeriggio a trovare questo “fetentone del colpevole” ma alla fine loro tornano a casa soddisfatti (magari con qualche contusione piccola piccola per rinforzare la suspance) e il colpevole è in gattabuia!

Di contro… i poliziotti del telefilm Perry Mason (o di qualsiasi telefilm dove il protagonista sia un avvocato difensore) sbagliano sempre… lasciano il fetente a piede libero e arrestano il “povero innocente” che per puro caso è imparentato con Perry Mason, con la sua fida segretaria o se proprio non era possibile imparentarlo con uno dei due con il tirapiedi del GRANDE avvocato. Badate bene… è INNOCENTE… perchè Perry Mason NON potrebbe MAI difendere un FETENTE!

MMM!!! (questo MMM indica la mia riflessione sull’argomento… è un po’ come il rumore delle contorte rotelline del mio contorto cervellino)… quindi dicevamo??? Ah già! MMM!!!

Ma cosa accadrebbe se questo succedesse nella REALTA’? Eccovi un esempio pratico… immaginate me… nei panni della “cattiva”!

Godot, la cattiva di turno, ruba tutti i soldi del povero Samuel, poi visto che è proprio fetente gli tira allegramente tomi di psicologia sul cranio finchè il povero Samuel non è STECCHITO! Arrivano gli agenti di Law&Order… indagano… interrogano… aiutati da quelli di CSI che prendono le mie impronte… e trovano una foto della sottoscritta che fa il segno della vittoria (V) davanti al cadavere di Samuel… a questo punto gli sorge un sospetto… leggerissimo ma presente… CHE SIA STATA IO??? Le analisi di quelli di CSI confermano a quelli di Law&Order che io ero presente sul luogo del delitto! Loro mi arrestano (dopo essersi fatti dare il mandato dal procuratore) e mentre il Tenente Colombo chiede a quelli di CSI dove hanno preso quei camici da obitorio perchè SUA MOGLIE ne vuole uno identico per il loro ANNIVERSARIO… arriva il MIO avvocato!

PERRY MASON!

Ma allora! Aspettate un attimo… sono innocente!!! 😀 Se Perry Mason mi difende (in quanto cugino dello zio del fratello dell’amico di infanzia del mio amico di infanzia) non posso essere stata io a giocare al “tiro del tomo” con il cranio di Samuel! DEVO essere INNOCENTE!

Ovviamente quelli di Law&Order non ne vogliono sapere della mia innocenza… loro hanno sempre ragione!

Ma Perry Mason è convinto che non sia stata io… perchè lui ha sempre ragione!

Intanto il suo fido tirapiedi viene quasi ucciso investito da una macchina mentre cercava di provare la mia innocenza!

Arriva il Tenente Colombo e chiede al fido tirapiedi di Mason se sa dove il tizio della macchina che l’ha quasi investito ha comprato l’Arbre Magique perchè ne vuole regalare uno identico a SUA MOGLIE per il loro anniversario.

Arrivano quelli dei RIS che spargono le LORO impronte sulla scena del Delitto… perchè loro non SONO UN GRANCHE’ BRAVI!

Quelli di CSI vogliono ucciderli per questo… Perry Mason intanto litiga con quelli di Law&Order… il Tenente Colombo con il fido tirapiedi di Perry Mason… in meno di 5 minuti è una rissa collettiva!!!

Ed io??? Beh io sto guardando la scena della rissa generale mentre prendo il tea con la segretaria di Perry Mason e la Signora in Giallo… la quale Signora in Giallo… finita la sua tazza di tea dichara:

“Delizioso! Ah già a proposito mi sono dimenticata di dirvi che il colpevole è il maggiordomo!”

Tutti la guardano basiti (e “basiti” indica che ho preso il dizionario dalla libreria!)

E’ ovvio! Il maggiordomo vestito da me si è intrufolato da Samuel e dopo aver sparso la mie impronte (Lui! che è il colpevole sa come farlo!) ha giocato a “uccidi lo strizzacervelli!”

Certo è che se anche fossi stata io la colpevole l’infermità mentale era assicurata!

Chiaro no??? Eh sì! L’ho sempre detto che è meglio affidarsi alla Signora in Giallo! 😀

Murder she read… la Signora in giallo non ha niente da invidiare all’ispettore Barnaby!

Mai visto “l’ispettore Barnaby”? In Gran Bretagna questo simpatico telefilm, noto come Midsomer Murders è già giunto alla sua undicesima stagione… e non ha niente da invidiare a Murder she wrote (alias Signora in Giallo)! Omicidi &co. infatti pullulano nella spietata campagna inglese… immaginaria campagna inglese, visto che Midsomer non esiste… o forse sì! 😀 Effettivamente la campagna inglese del telefilm è stata presa un po’ qua e un po’ la in tutta la Gran Bretagna… non solo Inghilterra quindi ma anche Galles… e  a me… è venuta in mente quella volta in cui: (ora come nei telefilm voi dovreste vedere tutto come in una sorta di nuvola… visto che sono i mei ricordi)

Godot, che amava sempre parlare di sè in terza persona… arriva nello Yorkshire! Oh quanto è bello lo Yorkshire! Comunque è in visita da alcuni amici… tadadan! Una volta tanto non deve faticare! Può rilassarsi e divertirsi… finchè-finchè: Un omicidio non sconvolge la zona!

Vabbè in poche parole… dopo aver sfrattato abilmente i miei amici dalla loro stanza e aver dormito placidamente per riprendermi dalle 4 ore di viaggio… la mattina mi alzo… decido di preparare a questi cari ragazzi la colazione per farmi perdonare dello sfratto letto… e… e… e… preparando preparando la colazione… apro la porta per prendere il giornale e leggo:

Trovato cadavere di giovane donna nel canale di ******* la polizia di ******* sta interrogando gli abitanti della zona!!!!!

Ho ancora il giornale in mano quando Charlie (che non si chiama Charlie ma ora lo chiamiamo Charlie) si sveglia e dice: “Godot! Già sveglia! Che profumino invitante! Chiamo gli altri così facciamo colazione e poi ti portiamo a vedere i docks!” I DOCKS!!!

I docks sono delle piccolissime dighe… per così dire… una di seguito all’altra che, grazie a un complicatissimo sistema di apertura chiusura ponti, regolano il flusso dei canaletti che attraversano lo Yorkshire e li rendono navigabili… ma vedere i docks significava… significava… andare sulla scena del delitto!!!!!!!!

La signora in giallo che è in me gongolava all’idea di dirgliene quattro all’ispettore Barnaby e di fargli vedere che avrei trovato l’assassino prima di lui!

Peccato che io non sia veramente la signora in giallo… e che al massimo invece che Murder she wrote… potrei interpretare Murder she read… in conclusione?????

La mia risposta alla proposta di Charlie è stata:

“EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE! Ma sei impazzito!!!!!!! Io non ci vado a vedere un cadavere!!!! Hanno ucciso una donnaaa! Voglio andare a casaaa!”

Charlie, dopo che gli avevo mostrato il giornale ha fatto spallucce e ha detto: “Beh? Succede sempre!”

Ma come? Succede sempre e voi ve ne state tranquilli!? Voi penserete che io stia ingigandendo un po’ la questione ma… ma… e che cavolo! Parliamo della “placida” campagna inglese!!! Come fa a essere “placida” se c’è almento un omicidio a settimana! E poi diciamoci la verità… volevo evitare di essere io la vincitrice della “settimana”! Ehm!

Comunque non contenti delle mie scuse mi hanno trascinato lo stesso ai docks… non quelli dell’omicidio, altri!

Barnaby e la signora in giallo indagano sui Docks!

Barnaby e la signora in giallo indagano sui Docks!

 

E c’erano anche due simpatici vecchietti che aprivano e chiudevano le tre dighe in successione… No… non erano Barnaby e la signora in giallo… Lei era la moglie di uno dei proprietari delle barche (perchè l’uomo guida e la donna sfacchina ad aprire e chiudere i cancelli delle dighe) Lui… era il guardiano dei docks… lavoro infame data la percentuale di omicidi… ma qualcuno lo deve pur fare!

Comunque non temete… tanto sappiamo già tutti che è stato il maggiordomo… l’unica cosa che mi chiedo è:

“Ma se già sappiamo tutti che è il maggiordomo, perchè questo maggiordomo è sempre a piede libero????? Il tea possiamo benissimo versarcelo da soli!”