Gabriel García Márquez… citazioni letterarie!

Gabriel Garcia Marquez

Gabriel José de la Concordia… meglio noto come Gabriel Garcìa Màarquez! E’ morto oggi forse uno dei più grandi uomini dei nostri tempi! Giornalista, premio Nobel e soprattutto scrittore… “ironista” più di chiunque altro!

So che questo blog è noto per molti come il blog del cazzeggio… così voglio che sia… ma stasera … un pizzico di serietà… e visto che qualsiasi parola è inutile a confronto di un grande della letteratura mondiale… vi lascio con le sue citazioni!

 

“Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendià si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio”.

“Non si muore quando si deve, ma quando si vuole…”

“E’ impossiile non finire per essere come gli altri credono che uno sia”.

“Il tempo passa senza far rumore”.

“Nessun pazzo è pazzo se ci si adatta alle sue ragioni”.

“La vita non è quella vissuta ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla”.

“Preferiamo una tomba in Colombia che una cella negli Stati Uniti”.

“L’ebbrezza del potere cominciò a decomporsi in raffiche di disagio”.

“Non immaginava fosse più facile cominciare una guerra che finirla”.

“Si umanizzò nella solitudine”.

“Un uomo sa quando sta diventando vecchio perchè comincia ad assomigliare a suo padre”.

“L’autista mi avvertì. Attenzione professore in quella casa ammazzano. Gli risposi se è per amore poco importa”.

“Sono tutti così – disse lei senza meravigliarsi – pazzi dalla nascita”.

“Scostatevi vacche che la vita è breve”.

Cinquanta sfumature di fuliggine… e altri ehm… “capolavori”!

Bentornatiiii … cioè… vabbè bentornata a me… ma è un dettaglio! Buon 2014, buon Natale e forse anche buon ferragosto!

Era molto che mi ripromettevo di recuperare la maledettissima password perduta di Mr.Wordpress… inviavo la richiesta “ricorda password”… poi dimenticavo la mail… e quando ricordavo la mail la password era stata già “cestinata”… e giù di lì!

Ad ogni modo… come va? Io sappiatelo… che lo si sappia… sono di nuovo a spasso… per 30 giorni! E a questo proposito grazie Fornero! Ora che hai detto che il “Job Act” l’avresti volute fare tu noi precari ci sentiamo molto più fiduciosi… ricordiamocelo… una lacrima non fa una sindacalista! :/

E’ vero tra 30 giorni cambia tutto… ma intanto? Intanto ho ripreso i contatti con Jerry e chissà che non lo si finisca sul serio questo libro… ci siamo dati un appuntamento molto molto molto fisso…

Ci vediamo per “verificare i miei progressi” e “verificare che io non cancelli tutto”… Ogni 13 del mese (AHHHHHHHHHHHH Lunedììììììì! ehm… devo correre a cancellare!!!) 😯

Okey! Andiamo con ordine… alcuni di voi sono nuovi e c’è chi non sa di Jerry chi non sa di me… chi non sa nemmeno di questo blog… pensavate dalla fantasia a Pois che fosse il blog di Enzo Miccio? Mi spiace… per me potete andare anche tutto il giorno in giro in pantofole peluchose… ciò non mi tange! :mrgreen:

IO la somma GODOT sono una giornalista precaria … di Sabato faccio l’insegnante di inglese per racimolare punti perchè non si sa mai e in teoria sarei una scrittrice… ULTRABLOCCATA … Jerry è un caro amico e agente letterario che mi pescò quando ero una pulzella per dirmi “Perchè non scrivi un libro tutto tuo invece dei soliti raccontini…” e lì fu l’inizio della tragedia!!! 😥

Tra editori … esercizi di stile e scancellature sono ancora qui… a fasi alterne … e Jerry, che non sa di questo blog… ergo la mia identità segreta… ancora ogni tanto chiede “Ehi? Il libro?”

Arriva il 2014! E con esso… incredibilmente alter persone che iniziano a chiedermi dal nulla “Ehi ma il libro?”

Prima di tutto proprio l’ultimo dell’anno ha iniziato uno zio professore di Greco al Liceo classico che ripescando dal nulla un vecchio racconto ha detto “Perchè non finisci il tuo romanzo… Hai uno stile così moderno…”

… e detto da lui equivale dire che ho uno stile tipo BASSO MEDIOEVO! 😯

Secondo di tutto ha iniziato proprio il direttore che mi ha “licenziato” dicendo… “Perchè non sfrutti questa pausa per finire il tuo libro? Anzi … che finire… scrivine uno nuovo?”

… avrei preferito avere lo stipendio…ma vabbè!

Terzo di tutto è tornato alla carica Jerry che mi ha chiamato e ha detto “Tesò …”

e io: “Chi è?”

e lui “Io!”

e io : “IO chi?”

e lui “Ma ogni volta facciamo così… ”

e io “Così come?”

e lui “Sono Jerry!” e io… “Jerry chi?” 👿

Ehm… ma tornando a noi… abbiamo concluso il tutto con il terribile patto… e questa è stata la prima settimana di “ricerche”…

Da “Brava scrittrice” sono andata in biblioteca… sono andata in giro a parlare con emeriti sconosciuti e mi sono consultata con amici/parenti/nemici e vicini di casa.

Ne ho concluso che devo oleare la porta del garage perchè dice il tizio del quarto piano fa troppo rumore…

e ho pensato… EVVAIIII SCRIVO UN LIBRO SUL GARAGE!!!! Lo chiamerò…

“GARAGE GODOT!”

Ero convintissima (Ehm) poi però sono andata in biblioteca e si è rotta la chiave dell’armadietto in cui avevo alacremente riposte il mio borsone 4×4… hanno chiamato il fabbro… che ovviamente non è venuto… poi è passato un inserviente e ha detto “Scusate ma tanto basta dare una botta a lato… e la porticina si apre!” 😯

E così ho pensato… EVVAI UN LIBRO SULL’INSERVIENTE!!! Lo chiamerò…

“VITE INSERVIENTI!”

Pessimo titolo ma l’idea di un racconto verità mi sconfinferava… non poco…

Poi però ha chiamato il direttore di cui sopra… e ha detto “HO CAPITO! DEVI SCRIVERE UN LIBRO DI STORIA SU NAPOLI!”

e io “Direttore ce ne sono un  centinaio appena!” e lui “Vedi? Significa che è un argomento che interessa!”

OKEY! Vada per il libro di storia… poi ha chiamato Jerry che ha detto “NOOOOO devi finire quello vecchio che io adoravo!”

A quel punto non mi serviva altro che trovare un giudice imparziale… una Sibilla Cumana BIBLIOFILA… Karmuzzo BURNING!

Che mi ha detto “SCRIVI quel che ti senti… e  smettila di bruciare i tuoi scritti!”

… ILLUMINAZIONE…

“Storia di una piromane (figlia dell’inserviente di un garage) che brucia i libri di storia di Napoli in giro per la città e che irrimediabilmente si innamora di un vigile del fuoco che le dà la caccia!!!!” Lo chiamerò…

CINQUANTA SFUMATURE DI FULIGGINE!!!!

Ero convinta… nonostante Karma continuasse a mailarmi “Guarda che scherzavo!!!”

… e poi… entrata in biblioteca ho visto lui… il bibliotecario perfetto… mi ha avvicinato e ha detto senza il minimo accento napoletano:

“Mi dica pure quale volume le serve, se conosce il numero del tomo è anche meglio, altrimenti non tema provvederò a fare una rapida ricerca io stesso!”

WOW! Io incantata gli ho sussurrato il nome del libro… e lui… con il suo charme da perfetto bibliotecario molto british si è girato e ha detto…

“WEEEEEEEEEE PASCAAAAAAAAAAA”’ amma’ piglià natavot’ nu libr’ ro’ pian e’copp! SCINN! MUOV’T! CH’Aggia ancora magnà!!!! E aggia pure metter’ appost’ tutt cos’jeeeeeeeeeeee staseraaaaaa”

😯

Ehm… okkkkkeeeyyyyy!!! Titolo scelto!

“UN BIBLIOTECARIO DI DISORDINATA FOLLIA!!” :mrgreen:

Si ricomincia… libro nuovo… “crisi” nuove!

Eh già Jerry mi ha convinto… o io ho convinto lui non si sa ancora… a ricominciare a scrivere “seriamente”!

Perchè a detta di Jerry… “il giornalismo per te non è una cosa seria!” e… ok! Mi linceranno tutti coloro che “da grandi” voglion far i giornalisti… ma è vero! :mrgreen:

E’ vero anche che io “da grande” non volevo fare la giornalista… non volevo fare neanche la scrittrice… io da grande… volevo fare la miliardaria! :mrgreen: Ma ormai si sa… non è andata così! 😥

Ehm! Dicevo?! Ah sì… a detta di Jerry… che come si dice dalle mie parti “Gli ci vuole un pacchero per farlo parlare e CENTO per farlo star zitto!” (cioè, quando parla parla assai!) dicevo?! Ah sì… a detta di Jerry “Sei sprecata per il giornalismo, che ti impone regole… argomenti!”

Io lusingata [perchè voi sapete che io credo sempre a Jerry, vero?!? (perchè voi sapete che ero sarcastica visto che non gli credo mai, vero?)] ho deciso che avrei messo una parentesi quadra in questo post… contenente una parentesi tonda! 😀

Ehm… no non era quello che volevo dire… ah già… io lusingata ma un po’ dubbiosa… gli ho risposto con un “Aha!”

Poi gli ho detto: “Ok! Che scrivo?!” e lui mi ha guardato e mi ha risposto… parole testuali!

“Tu scrittrice… io agente… tu scrivere io vendere… tu avere idea io proporre idea a editore… editore pubblicare! Tu non fare folle come ultima volta… io contento, editore contento… tu viva!”

😯

Ora tralasciando il fatto che Jerry ha evidenti problemi a coniugare i verbi (ehm!) io l’idea l’avevo… ma volevo vedere se lui aveva la mia stessa idea… se fosse stato così avrei dimenticato il libro e il giornale e l’avrei obbligato a fare il giro delle fiere di paese più competitive d’Italia per far ammirare a tutti:

La scrittrice e l’agente che si leggono nel pensiero!

Ma così non è stato… gli ho proposto tre mie idee… e lui contento ha detto: “Ok! Ok! Ok!”

Io gli ho chiesto: “A quale?!” e lui: “Tutte!” E io: “CHEEEEEEEEEEEEeeeeeeeeeeeeeeeeeee!” e lui: “Tutte!” E io di nuovo: “Cosaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!” e lui: “Tutte!”

Dopo un quarto d’ora circa ad andare avanti così… ci siamo lasciati, sono tornata a casa e… presa l’idea numero 1 ho incominciato a scrivere… però non mi piaceva… così ho stracciato tutto… ho preso l’idea numero 2 e ho incominciato a scrivere…. nisba… ho preso l’idea numero 3 e ho incominciato a scrivere… un po’ scema come idea!

Ora mi ricordo che quando mi incontrai di nuovo con Jerry uno di voi, ossia Aquilotto mi disse: “NOOOO!! Per caritààà non scrivereeee… non ce la facciamo a sentire le tue paturnie e le tue crisi!!!” beh… forse aveva ragione… però… è stato divertentissimo telefonare a Jerry e dirgli: “Ehm… non mi viene da scrivere!” e sentirlo urlare: “AAAHhh ora ricominciiii non ricominciare …. ricordi!! Tu scrivi! Io vendo!! Chiaro!??!?” poi si è ricomposto… o almeno la sua voce si è ricomposta e ha detto: “Tu scrivi, non stracciare, poi ci pensiamo, lascia valutare me, che tu non capisci niente della TUA scrittura! E ora… scusa… sto facendo la spesa!” 😯

OK! Riassumendo il contenuto di questa telefonata:

1) Jerry è perennemente sull’0rlo di una crisi di nervi!

2) Jerry è convinto che il mio stracciare ciò che ho scritto sia eccessivo!

3) Jerry ha urlato mentre era al supermarket!

Quello che Jerry dimentica, e che Aquilotto ricorda… è… che… beh… a me piace tanto stracciare quel che scrivoooo!!! 😳

Strega per un paio di notti!

Eh già perchè ho appena inviato l’articolo con i finalisti del premio Stregoso! E non vi dico chi sono sennò vi sciupo la sorpresa! Dopo una serata terribile… e la prossima… beh… ovviamente sarà quella della finale!

E se qualcuno di voi prova a dire che io sono sempre una Strega beh io… io… io… niente… al massimo mi bevo una Strega per dimenticare subito l’onta subita!

E non rammaricatevi se il post è breve (immagino che vi stiate strappando i capelli per il dolore di non essere ammorbati dai miei sproloqui… e per pietà non smentitemi!) visto che ora me la svigno e vado a casa! 😀

E comunque… buona Strega a tutti!

The Translator in me!

Salve gente… voi direte… ma questa non si scoccia mai!?… oppure… ma questa non ha altro da fare che postare!? E così via…

Beh… effettivamente sono giornate un po’ piatte almeno per i miei standard! Vi ho parlato dei miei recenti “guai” editoriali… quindi… dopo aver deciso di prendermi una pausa… ho pensato: “Devo fare qualcosa… devo fare qualcosa!” Ma non sapevo cosa… quando… un mio amico… quello scrittore un po’ mattacchione, ma effettivamente simpatico… anche se macabro… ma in realtà molto allegro… insomma quella sorta di controsenso umano… mi ha trovato qualcosa da fare!

Erano un paio di mesi che avevo tralasciato la traduzione… visto che non mi pagavano… nonostante dovessero essere gli unici a farlo… anche perchè sono più specializzata per far la traduttrice che altro… comunque… il piatto piangeva… l’editore che non mi ha pagato invece rideva! E così… e così! Lui, l’amico scrittore strampalato (eh lo so un altro conoscente strampalato! Immaginate solo che invece di un letto ha una sorta di materasso attaccato al soffitto tipo amaca!) dicevo… è venuto in mio soccorso! Non economico… per carità! Anzi… per sfortuna! 😦 Ma almeno mi è servito per aiutarmi a tirarmi su di morale! 😀

Avete capito di cosa io stia parlando!? Beh… diciamo che mi ha presentato un’anziana poetessa… che aveva bisogno di una traduttrice per una rivista italo-americana… per una sua “poesiola”! E così il mio amico mi ha detto: “Godot ti va di tradurre una poesiola che verrà pubblicata negli USA con il tuo nome come traduttrice?!” E io ho detto: “Capperi!!!” (ma mi riferivo alla pasta al tonno che stavo cucinando oggi, mentre parlavo a telefono con lui!) e lui infatti ha commentato… “Ma che li metti a fare… se poi li scarti?!” io gli ho detto che avevo ospiti a pranzo… e che non potevo fare la figura della spilorcia che non mette capperi nella pasta al tonno! Lui è stato d’accordo con me… e ha ripreso il discorso… “Allora? Questa poesia la vuoi tradurre?!” Io ho detto: “Mah non è che io sia questo granchè con la poesia… mah sì! Dai ci provo!” E lui: “Grande… ti mando tutto compreso indirizzo della mia amica… che vuole ringraziarti e assicurarti del fatto che metterà il tuo nome in calce come traduttrice e se vuoi anche il tuo indirizzo e-mail!” E io: “Capperi!” ma questa volta mi riferivo all’offerta… che sebbene non molto retribuita… era comunque allettante! 😀

Come al solito questo mio amico quando si tratta di letteratura è stato super-efficiente… 10 minuti dopo mi aveva mandato il file via mail… peròòòò… io avevo ospiti a pranzo alcuni colleghi di scuola e così ho aperto la posta solo 2 minuti fa… per trovare… 50 pagine di poesiaaaaa!!! Non so se sono stata chiara:

  50 PAGINE DI POESIAAAAAAAAAAAAA! 😯

Il tutto con una nota: “Grazie per il tuo talento!” Beh… vi ho già detto che non me la cavo un granchè con la poesia… ricordate il mio esperimento con l’haiku?! Era terribileeeeeee!!! Figuratevi… ma ormai sono fregata… e la frase sul talento… mi ha fatto sbellicare… perchè… immodestamente vi dirò… sono la reginetta della traduzione della prosa… ma la poesia non è arte mia!!! E poi…

  50 PAGINE DI POESIAAAAA!!!  😯

La traduttrice in me… o dovrei dire… The Translator in me… è combattuta… stile Amleto… vorrei uccidere mio zio… ehm… no così suona male… vorrei uccidere la poesia facendo in 50.000 pezzi le sue 50 pagine… e vorrei tradurla per vederla pubblicata… negli USA! 😯  Mmm… uffaaaaaa… vi ho già detto che sono…

  50 PAGINE DI POESIAAAAAA!!!!  😯

Alle volte mi chiedo: Ma perchè non me ne va bene una?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!!? Avete risposte plausibili?!?!?! 

Si avvicina la fine… eccovi un post con un bel titolo apocalittico!!!

Ebbene sì… un titolo più apocalittico non potevo proprio trovarlo… beh… certo potevo chiedervi “Una precie” ma… quello sarebbe stato un titolo autoiettante… non apocalittico!

Di cosa parlo? Della fine… di quale fine? Pensate che stia parlando della fine del mondo!? Noooooooo!!! Pensate che stia parlando della fine di un grande amore?! Noooooooooo (anche perchè è un bel po’ che non mi capita un grande amore!) E allora, direte voi, di che stai parlando si può sapere?! Certo che si può sapere! Ehm… vabbè… la smetto e arrivo al punto…

Parliamo di… (rullo di tamburi…) di… FINE DELLA SCUOLA!!! 😯 Eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee… e che sarà mai!?

Beh… diciamo che non è tanto la fine della scuola di per sè che mi preoccupa… quanto più le due settimane che precedono gli esami e la “vera” fine della scuola!

Ancora poco chiaro?! Beh… diciamolo chiaro e tondo… domani inizia quella che per molti studenti sarà l’ultima settimana, visto che molti di loro si ritireranno a fine maggio!

E che c’è di nuovo?! Direte voi… nulla… ormai più nulla… se non fosse che per tutto maggio ho dovuto lottare per far fare lezione perchè a detta dei ragazzi: “mancano 15 giorni alla fine della scuola!” Eh no!!! E proprio quello che ho detto io!

“Eh no! Ragazzi gli ultimi 15 giorni di scuola sono i giorni di giugno che voi sapientemente vi sgraffignate… ora non dico di non farlo… però… ora non venitemi a far le vittime che stanno sopportando fino alla fine… la fine è a metà giugno…non prima… i vostri 15 giorni anticipati di vacanza e relax… ve li siete già presi da soli… ora non pretendete di non far nulla… solo perchè siamo a maggio!!!” Vero è che i programmi ormai li ho finiti… ma… MA… le interrogazioni, soprattutto per alcune cime di rapa… quelle NO! Ma tanto si sa… che a meno che io non decida di andare sotto l’ombrellone con registro in mano… questi sapienti fuggitivi… non li beccherò mai!!!

Ma non è nemmeno questo… che mi fa avere il tono apocalittico… e nemmeno gli esami che si avvicinano… eh no… ciò che non mi fa trovare pace… è… è… la consapevolezza che almeno 2 o 3 ragazzi per classe verranno fino all’ultimo giorno!!! 😯

SI PREGA DI PRESTARE ATTENZIONE… non sono una fannullona… quindi andrò comunque a scuola… ma avrei preferito una classe piena… fosse stata anche fino ad agosto… rispetto a quei 2 che ti guardano con faccia sconvolta e ti chiedono: “E ora che facciamo?!!” e io che ne sooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Tenere a bada, e non annoiati 2 ragazzi è molto più difficile che tenerne a bada tanti! Almeno dal mio modesto punto di vista… negli scorsi anni mi sono inventata:

1) Gioco da Tavola… tradotto sapientemente in Inglese… con l’EFFETTO COLLATERALE… che alla fine hanno dovuto pareggiare… altrimenti i 2 presenti se le sarebbero date di santa ragione! (“Santa” sempre perchè siamo ai salesiani!)

2) Il classico Impiccato… sempre in lingua straniera… e con argomento la scuola e noi prof. anche se c’è stato l’EFFETTO COLLATERALE che scrivevano solo frasi ossequiose nei miei confronti… per timore di avere un brutto voto!

3) Lettura di alcuni brani di Poe e Twain… con l’EFFETTO COLLATERALE che si sono spaventati del primo… e non hanno capito il secondo! (Ma voi Twain non lo leggevate alle elementari?! Io sì!)

4) Canzoni e varie con testi in Inglese o Francese… da sentire e cantare a squarciagola… con l’EFFETTO COLLATERALE che arrivò una suora dalla segreteria chiedendo di fare più piano!

5) Il Cruciverbone!!! Rigorosamente in lingua… con l’EFFETTO COLLATERALE che mi ci volle un’ora per disegnarlo alla lavagna!!!

Quindi… a causa di tutti questi effetti collaterali che ho riscontrato nell’ambito di questi tentativi… quest’anno ho deciso di fargli vedere qualche film… Peccato che…

Peccato che… a scuola ci sia ancora il videoregistratore e NON il lettore-dvd… e i suddetti film ci sono solo in dvd… in teoria… ci sono in dvd in teoria… perchè in pratica i suddetti film sono spariti da tutte le videoteche e simili… che siano per il noleggio… e  quindi comunque NON trasferibili su videocassetta… o per l”acquisto…

Ovviamente ingoiato il rospo di dover chiedere al prof. di ed. fisica di usare la palestra… perchè l’unico televisorone è lì ed è intrasportabile… mi sono messa a cercare questi film… e il mio contatto con i ragazzi dei rivenditori dei dvd (specifichiamo… dvd originali… non pezzottati!)… comunque… il mio contatto con codesti ragazzi… è stato del TERZO, QUARTO, QUINTO, ETC., ETC., tipo… 😯 perchè?!

Ho chiesto prima la Bisbetica Domata con Elizabeth Taylor… che io ho purtroppo solo in Inglese… il ragazzo dopo aver annuito mi ha portato “Il bisbetico Domato” con Celentano 😯

Poi ho chiesto Romeo e Giulietta di Zeffirelli… e mi hanno portato quello con Leonardo di Caprio… NOoooooooo!!!

Allora ho cambiato… e ho chiesto sempre qualche film tratto da Shakespeare con Branagh… e mi hanno portato “Look Back in Anger” sempre con Branagh ma che non aveva nulla a che fare con Shakespeare.

Ho pensato… perchè non Frankenstein sempre con Branagh… e mi ha portato The Rocky Horror Picture Show… vabbè… è “liberamente tratto da”… maaaaaaaaaaaa io ho chiesto un’altra cosaaaaaaaa!!!!!

Allora arrivata all’ultima videoteca con molta calma ho detto: “Sapete… sono un’insegnante… magari non sembra… ma è così… devo far vedere un film ai ragazzi… a cui è piaciuto mooltoo Shakespeare… quindi… ma non fa nulla… però… deve essere qualcosa di educativo… magari tratto da un libro… magari un classico!”

E l’ultimo commesso ha annuito e ha detto: “Certo! Che ne dici di High School Musical!” 😯

Ok! Mi arrendo!!! Perchè a questo punto non fargli vedere la Saga dei Puffi!?!?!?