Back to school…

… eh già cari amici di passaggio. Oggi son tornata a scuola dopo le vacanza pasquali… e mentre solo domani farò lezione, oggi mi sono sorbita la solita riunioncina… ma andiamo con ordine!!!

Partiamo anzi da PRIMA di Pasqua!

Godot riceve una telefonata. E’ la segretaria che dice: “Godot c’è una riunione il 9! Devi venire!” Io rispondo di sì, le chiedo l’ora della riunione e riattacchiamo. Il giorno dopo Godot riceve una telefonata. E’ il preside che dice: “Godot c’è una riunione il 9! Devi venire!” Io rispondo di sì, non gli chiedo l’ora e riattacchiamo. Circa 5 minuti dopo mi richiama e sospettoso che io voglia zombare in qualche modo la riunione grugnisce: “Perchè non mi hai chiesto a che ora?” Io gli accenno che me l’aveva già detto la segretaria e riattacchiamo.

Il giorno ancora dopo, ma sempre PRIMA DI PASQUA mi telefonano 2 colleghe con le quali vado da sempre d’accordo, che dicono: “Oh quest’anno tra una cosa e l’altra non ci siamo fatte gli auguri. Ci vediamo per un caffè!!!” io accetto e riattacchiamo.

Ancora un paio di giorni dopo (ma quanti giorni, mi sa che ho perso il conto!!!!) Una telefonata. E’ il prof di ed. fisica che mi dice: “Toh non ci siamo fatti gli auguri di Pasqua, ci vediamo e ti offro un caffè?” io dico di no… e riattacchiamo! :mrgreen:

Arriva il giorno del caffè… e va tutto secondo le regole… io poi parto, torno, e… mi trovo non so come 7 msg d’un botto. Tutti mandati nei giorni immediatamente precedenti e successivi a Pasqua… il cellulare se li era pappati, per rigurgitarli (BLEAH) solo al momento del mio atterraggio. 😯

Tra questi anche il msg del preside che dice: “Buona Pasqua ricordati della riunione!” e quello del prof. di ed. fisica che conclude con: “Con tanto amore!” 😯

ARRIVIAMO AL DOPO PASQUA… tempestato da telefonate e squilli del preside e della segretaria e delle colleghe… il risultato era sempre lo stesso: “La riunione La riunione La riunione!” HO CAPITOOOO!!!!

Avevo Capito… e infatti oggi son andata puntuale… e incominciano i commenti:

PRESIDE: “TOH! CHI SI VEDEEEE!!! Sembri uscita da un uovo di Pasqua!” (questa parola mia non l’ho capita!!!)

La collega d’Arte: “Ciaooo dopo ci prendiamo un caffè e spettegoliamo!!!” (ok… però non diciamolo davanti a tutti che spetttegoliamo sennò, parola mia, origlianooo!!!)

La collega che mi ha sostituito: “Tzè… sti giovani!!!” (poi però si è accorta di essere molto ma proprio mooolto indietro con il programma, nonostante la sua sia la sezione più disciplinata… ed è stata zitta… bontà sua!)

Il collega di Matematica: “UUUHHH La Sorella della Gruber!!!” (doppio gioco di parole giornalistico!)

Il collega di Italiano: “CHi?!” (ma è tonto… e parola mia non ci facciamo caso, gli vogliamo bene per questo!)

La collega di Tecnica: “Wè… io scappo!”  (Ok stammi bene!)

Il prof. di Ed. Fisica: “EHiii non ti è arrivato il messaggioooo!?” (EHM!)

La riunione alla fine è stata un gran guazzabbuglio con il prof. di Italiano che prendeva in esame le prove d’esame di matematica… la nuova prof. di musica che (parola mia) sbagliava i congiuntivi… il prof. di ed. fisica che sbavava su chiunque gli capitasse a tiro… credo anche che abbia cercato di guardare nello scollo a V del professore di Matematica… che se vi fosse passato di mente è un uomo… e chi più ne ha più ne metta…

… il tutto si è concluso con la solita solfa da parte del preside: “AH già… non abbiamo soldi… vabbè non fa niente. Insegnare deve essere un po’ una missione!!”

Io l’ho guardato e (parola mia) gli ho detto: “Sì però qui sta diventando una missione di sopravvivenza!!!” lui non è stato felice… ma gli altri ridacchiavano (tranne quella che mi ha sostituito!!!) 5 minuti dopo la battuta… ridacchiava anche il prof. di italiano, che avrete capito è un po’ lento!!!

Il vendicatore solitario… e lo Svendicatore in comitiva!

Nella famosa città di XXX c’era uno strano vendicatore solitario! Era il supereroe dei poveri e degli oppressi

Nella stessa città c’era un altro supereroe… ma era molto più mondano… lui girava in comitiva… e difendeva le scarpe D&G e le borse Gattinoni! E inoltre disfaceva le vendette altrui… chiamandosi SVENDICATORE!

Un temibile giorno il vendicatore solitario che aveva proprio un carattere “Amorevole!!!” s’incontrò per caso con il figlio di un amico di un conoscente dello Svendicatore in comitiva! E successe il PATATRAC!

I più altolocati di voi si chiederanno: “What’s Patatrac!?” e io invece di inviarli al blog dello Svendicatore in comitiva… un blog scritto con la Ere Moscia… vi dirò che il Patatrac è un putiferio… il DevotoOli recita:

“Patatrac stato di caos da cui consegue un putiferio… da cui consegue un litigio tutt’altro che zen con tirate di capelli e calci sparsi!”

Per chi non avesse capito nulla… si sappia che il figlio dell’amico del conoscente dello Svendicatore era nient’altro che un bullo! Il Vendicatore con il raggio laser e il registro tuonante era riuscito a far rientrare le cose… quando all’improvviso non si sa mai da dove… con la sua STRETTISSIMA tutina amaranto ecco apparire lui… il più temibile dei nemici del vendicatore… non è Mr.X quello è il nemico di Sherlock Holmes… non è Macchia quello è il nemico di Topolino… è lui! Lo Svendicatore in Comitiva!

Così mentre il Vendicatore solitario vomita alla vista dei rotolini di lardo che escono dalla tutina amaranto dello Svendicatore… quest’ultimo chiama a rapporto tutta la sua comitiva… e fa sedere tutti vicino a un tavolo! Il tavolo della battaglia… e poi… con le sue 3 arme segrete… ossia la lingua biforcuta, l’ignoranza congenita e il classismo imperante cerca di disfare quanto fatto dal Vendicatore Solitario… il Vendicatore s’infervora… combatte cercando nel frattempo di non inciampare nel suo mantello rosa!… ma loro sono in comitiva e il Vendicatore perisce sotto i colpi del nemico!

Bella storiella vero?! Eh già… avrete capito tutti a cosa mi riferivo… a quel famoso bullo da me sospeso… che tornato mi aveva fatto a malapena le scuse… ma poi non aveva cambiato atteggiamento. Nella sua classe come già detto ci sono molti ragazzi di famiglie meno benestanti… in particolare 3, 2 sorelle e la famosa E. quella con il padre mezzo delinquente e mezzo tossicodipendente…

Il colmo si è raggiunto tra ieri e l’altroieri quando Preside&co. (e ricordatevi che siamo ai salesiani quindi il preside è un prete)… hanno convocato le famiglie delle 3 ragazze, quella della ragazza praticamente molestata dal bullo… e la famiglia… perbene… del bullo stesso! Ovviamente non ha chiamato la famiglia della ragazza diversamente abile che il bullo aveva colpito… il cui padre è un politico!

Al mio arrivo a scuola vengo convocata dalla peggiore insegnante di tutta la scuola… così incapace che ha detto ai ragazzi che la baguette si scrive BAGHET!!! Attenzione non ha detto: “Non so forse come si scrive…” ha detto proprio: “Ragazzi è facile… BAGHET!”… comunque… mi chiama e mi dice: “Godot… il preside è arrabbiatissimo… ora stai zitta o rischi il posto!” 😯

Riassumendo… il preside ha detto che il bullo ha sbagliato… ma perchè portato all’errore dalle 3 ragazze di non così buona famiglia… e perchè la ragazzina molestata è… udite udite… FACILE! Parola mia non ci ho visto più! Mi sono alzata e ho detto la mia… ma ahimè sono stata zittita da tutti i colleghi… non solo dal preside! Dagli stessi colleghi che IO ho sempre difeso… e ho ricordato perchè quando ero ragazza odiavo gli insegnanti… è una categoria di vigliacchi a cui non importa dei ragazzi!  Alla fine le 3 ragazze sono state sospese per alzata di mano… e la mia è stata l’unica a stare giù, nessuno le ha difese… perchè per dirla come il preside: “La famiglia la dice lunga!”

Per me è stata una grandissima delusione… soprattutto perchè:

1) Il bullo così ha imparato ancora una volta che i soldi comprano tutto… e che gli è permesso di fare il delinquente!

2) La ragazzina molestata si è sentita dare della facile!

3) Le 3 ragazze si fidavano… pensavano che le avrei protette… e invece non ci sono riuscita!

Credo che non si fideranno più di me… io non mi fiderei più di me fossi al posto loro… quindi?! Il consiglio della mia famiglia quando ieri sono tornata e ho in gesto di stizza strappato la correzione del solito capitolo che mi ha mandato Jerry… è stato di bermi una bella dose di menefreghismo! Per evitarmi un’ulcera… o un attacco di cuore entro i 40! Ma a me non va proprio… anzi credo di essere allergica… generazione dopo generazione i ragazzi vengono rovinati sempre più… e per quanto si voglia non sembra esserci modo per cambiare le cose! Il preside non mi ha licenziata… per il momento…  ma quasi quasi mi sarei licenziata io!

Preside o guru? Lui è il problema!!!

Essere preside o essere guru… si chiederà il preside della mia scuola! Why? Because… no… non si può capire così ci vuole una piccola telecronaca dei consigli di istituto tenutisi oggi!

Il consiglio era alle ore 16.00… all’ora X eravamo tutti posizionati nell’atrio della scuola a spettegolare su chi delle collaboratrici (ossia personale ATA, ossia bidelle) è in cinta senza essere sposata!!! 😀 Vabbè… per me si trattava di semplici gossip… ma la coordinatrice delle medie era agguerritissima!!! 😀

Comunque ad attenderci c’era il prof. C. al quale qualcuno aveva detto che iniziava alle 15 e 30 (chissà chi è stato bwahahahah! Ehm… ma non è per cattiveria ma arriva sempre due ore in ritardo non credevo che arrivasse veramente alle 15 e 30! NON E’ COLPA DI GODOT!!!)

Come se non bastasse il Preside è arrivato alle 17.00… per la gioia di noi  tutti che intanto inneggiavamo cori da stadio diretti dalla prof. di musica!

Arriva e dice… “ragazzina non puoi partecipare ai consigli… lo possono fare solo i professori!” Grrrrrrr!!! Odio questa battuta!!! Comunque… chiede in giro: “Tutto bene? Tutto in ordine?” La coordinatrice subito urla MARIA E’ DI NUOVO IN CINTA PARTORIRA’ A NATALE! Parlando dei fatti della bidella nubile come niene fosse… ovviamente che la notizia che “Maria” partorirà a “Natale”… in un istituto cattolico… beh! Diciamo che è suonato un po’ strano!!! 😀

Comunque dopo questo ulteriore momento di giubilo… mah… il preside ha detto: “mi raccomando fate il vostro lavoro con cuore sereno e rivolto a sentimnti di pace e bontà”… io già lo immaginavo con l’aureola… poi ha aggiunto: “In me potrete sempre avere una guida spirituale… a cui confidare i vostri momenti di turbamento… e usare il parco del monastero per i vostri momenti di Meditazione…” Beh? Ma? Ha detto… “Meditazione”!!??!!!?! Ma allora… già me lo immaginavo vestito da Buddha.. non il Siddharta di Keanu Reeves…che in realtà è di Hesse… ma chissà perchè mi ricordo Keanu Reeves? 😉 No… proprio il Buddha cicciottello delle statuine!!! Anche per una questione di stazza! 😀

Comunque… poi ha aggiunto: “Ora devo andare… abbiamo finito no?”

Erano le 17 e 13… lui era arrivato alle 17.00… ma non avevamo neanche incominciato!!!!!

Comunque abbiamo proseguito da soli tra litigi vari… la calza smagliata della prof. di 58 anni vestita in completo maculato… la prof. di Musica che è arrivata al 7 mese di gravidanza… il prof. di ed. fisica che mi chiede “Ma ce l’hai con me?” Eh sì… me lo chiede ad ogni consiglio… e sciocchezzuole varie!!!

Poteva andare peggio! L’unico grande problema? E’ che ora dovremo passare una settimana a caccia del Preside per fargli firmare un verbale che avrebbe dovuto firmare stasera in quanto PRESENTE e non di PASSAGGIO! Ergo… è lui il problema! Anche senza teschio in mano all’Amleto! (Che poi il teschio non c’azzecca niente con la scena… è tutta un’altra storia!)

Consigli per gli acquisti: Basta un poco di zen e il consiglio di classe non va giù!

Non sono Costanzo, ma questo per motivi di circonferenza vita e di baffi si era capito! Eccomi qua… con una tazza di tea in mano… nella mano il cui pollice preme spazio tra una parola e l’altra, mano che non ha altri compiti che questo… e una volta tanto premere shift con il mignolo per la MAIUSCOLA!

Direte… sappiamo che con grandi probabilità sei Campana… sempre  che non sia una bufala ;)… sappiamo che non fa tutto questo freddo… ma sei influenzata??? No, corna facendo sto una bellezza (e l’espressione aggiunge al mio essere Campana)… ma non avendo bustine di Valeriana… eccomi qui a cercare di calmarmi prima del consiglio di classe di oggi! Perchè non c’è niente che mi faccia incavolare di più di un consiglio di classe!!! 😦 (Certo anche Biancaneve &co. non mi avevano fatto stare serena)

Perchè? Ovvio… odio, ho sempre odiato e sempre odierò gli insegnanti! “Eh? Ma non eri un’insegnante anche tu?” si chiede quella vocina interiore che più che a un grillo parlante mi fa tanto pensare ad un disturbo della personalità… se vado dallo strizzacervelli qualche motivo ci deve pur essere no???!!!

Sì, sono un’insegnante. E vado anche d’accordo con molti dei miei colleghi… ma ciò non toglie che io non sopporti gli insegnanti. Già, perchè quella vocina di cui sopra continua a dirmi: “Ricorda che cazzimma che hanno i professori? I professori sono i tuoi nemici!” Evidentemente la vocina ha ancora 15 anni!

Ma senza voler scherzare oltre… preparatevi una tazza di tea anche voi, e state a sentire questa telecronaca anticipata di un disastro annunciato:

Arriverò a scuola, come sempre in anticipo… visto che odio arrivare in ritardo… ma i miei colleghi fedeli al concetto che “Il quarto d’ora accademico spetta a tutti i professori” arriveranno 1 ora dopo… il loro quarto d’ora è un po’ più lungo di quello degli altri, evidentemente!

Dicevo Arriverò a scuola come sempre in anticipo, dovrò aspettare un’oretta perchè qualcuno si faccia vivo. A questo punto arriverà la telefonata canonica del preside che annuncerà: “non so se riesco a venire c’è traffico… incominciate senza di me… poi mi raccontate”.

A questo punto la guerra abbia inizio! Colleghi trincerati dietro i banchetti della classe che useremo per il consiglio, con le ginocchia del paurosamente alto professore d’italiano che gli arrivano in bocca… l’unico ciuffo del professore di matematica che spunta appena da fuori il banchetto vicino alla cattedra… l’anziana prof. di Latino che seduta dietro la cattedra e che ci interrogherà come fossimo giovincelli! La prof. di Musica che si metterà dietro, all’ultimo banco e cercherà di nascondersi dietro di me, arrivando alle volte anche alle minaccie nei miei confronti: “Non ti girare, non muoverti sennò mi vedono e mi chiedono a che sto con il saggio di Natale!” (voi direte… di già… beh sì… anche perchè a essere sinceri l’ultimo saggio di natale della prof. di musica era pronto a Pasqua!) Io che in un atteggiamento molto zen… dovuto al tea e agli spessissimi tappi per le orecchie sembrerò sorda alle invettive della prof. di Sostengno che sarà seduta accanto a me! Lei, la prof. di Sostegno che urla contro quella di Tecnica perchè io non la sento. Il prof. di educazione fisica che continua a chiedermi: “Ma sei arrabbiata con me? Che ti ho fatto? Non mi parli quasi mai!?” (Figlio mio che vuoi che ti dica?! Non sono arrabbiata solo molto zen!)

E poi… arriva! No, non godot, che nonostante la cattiva nomea a lavoro arriva sempre in orario… arriva il Preside, che con aria soddisfatta dice: “Tutto ok?” Poi si gira verso di me… e fa la solita battutaccia: “Signorinella, voi studenti non dovreste presenziare ai consigli!” E ride da sè… mentre un paio di colleghe alzano gli occhi al cielo… e quella di religione commenta: “certo che è giovane!”

Non è tutto ok! Manca la corrente in 3°, la finestra della prima ha un vetro rotto, in seconda manca sempre il gesso, ci avete staccato tutte le piantine geografiche per ripitturare e chissà dove le avete messe… e io voglio il mio assegno!!!!!

E lui, placido, visto che evidentemente ha la valeriana a casa risponde: “Andrà tutto bene, con il tempo. La corrente ce l’hanno staccata perchè non avevo pagato la corrente tempo 2 mesi e la riallacciano, mettete un foglio di giornale davanti al vetro, il gesso portatevelo da casa, le piantine geografiche le sto facendo con i punti della benzina, datemi tempo… ops… è tardissimo ho un’altro impegno degli assegni parleremo la prossima volta!” E scappa sghignazzando! Ci credo, non ci ha ancora pagati! E i colleghi che fanno… i cari insegnanti… invece di dirgli “tante paroline”… ricominciano a litigare tra loro per orari, pausa caffè e simili!

Vi ho detto in tutto questo che essendo richiesto un certo abbigliamento sono in tailleur e le scarpe con il tacco sono una tortura?!! Un consiglio per gli acquisti? Signore, compratevi delle ciabatte!