Di giornalismi… perchè a Blogghiful non è che pettiniamo le bambole…

Buondì a tutti! Son mica qui a pettinare le bambole che poi con il TEMPO mi diventano anche pelate! Eh no… più  che altro in redazione passiamo il nostro TEMPO a questionare! Di cosa!? Di giornalismo…

… andiamo con ordine. Tra un tentativo di approccio da parte di LUI e un caffè con L’ALTRO e una spettegolata con LEI e un anatema inviato ai danni dell’inconsapevole ZOMBIE… ehm… tra tutto questo forse “Non sapete chi sono io!” 😯 ehm… scusate mi è venuto spontaneo citare l’addetto stampa del post precedente che, ieri, in un momento di foga ha esclamato questa cosa a un giornalista che continuava a fare la domanda che lui aveva detto di non fare… ehm… io! 🙄

Comunque… io e buona parte dei tizi che gravitano attorno alla redazione di Blogghiful siamo o precari del giornalismo o praticanti in attesa del passaggio da pubblicisti a professionisti.

Ora, diciamo che io in particolare sono un’insegnante 2 mattine a settimana (contro le 4 dell’anno scorso) e schiava personale dello ZOMBIE ( ehm suona male?! 😯 ) per il resto del TEMPO.

Già… il TEMPO! In teoria il giornalismo ha delle regole d’onore, una missione quasi sociale … ok… io sono proprio Alice nel paese delle meraviglie… che penso ancora agli ideali a 30 anni… ma che volete che vi dica? Spesso mi ritrovo a pensare tra me e me che nel giornalismo ci debba essere qualcosa di utile, altrimenti tutto questo egocentrismo (lo scrivere di tutto e su tutto e di tutti) sarebbe altamente ingiustificato!

Ora proprio su IL TEMPO una pseudo giornalista come probabilmente sono anche io…. ha definito i Napoletani (popolo a cui appartengo) popolo di straccioni.

😯 Di cosa parlava? Della vittoria contro la supersquadra inglese del Chelsea … come si fa a fare un parallelo tale!? Come si fa a esprimere su un giornale un tale pregiudizio senza pagarne le conseguenze? Di chi è parente questa PSEUDO giornalista? Perchè le permettono di scrivere tali cavolate!? Ok… IL TEMPO è un giornale troppo conservatore per i miei gusti… ma in teoria sarebbe un quotidiano storico… un minimo di “mestiere” per lavorarci lo si dovrebbe avere?!

Che prove, la pseudo giornalista,  ha per fare una tale affermazione? Ha verificato le fonti? Che titolo ha per scrivere quello che sembra un articolo di fondo (ossia un’opinione, un commento!?) Ve lo dico io… lei E’ NESSUNO. Fino a quando non ha scritto l’articolo in questione. Poi il web l’ha fatta diventare qualcuno. Ecco… un esempio di EGOCENTRISMO e IGNORANZA fini a se stessi, fini a guadagnare un minimo di notorietà. Un esempio, permettetemi dire di “straccionismo applicato”.

La giornalista, se così si può definire è il tipico esemplare di “bue che dice cornuto all’asino”. Con la differenza che.. non se l’è presa con un asino (tra l’altro simbolo del calcio napoli) … non se l’è presa nemmeno con una squadra (le fedi calcistiche spesso non guardano in faccia a nessuno) … se l’è presa con un popolo. E in maniera anche piuttosto sgrammaticata… alla fine cosa dice? Cosa si capisce di quella sottospecie di articoletto?! Nulla… non parla di Calcio, se non per un breve riferimento alla partita e a “Dieguito”… eh? 😯 “Dieguito”? E chi sarebbe?! Maradona?! Ma se proprio vuoi parlarne chiamalo Pibe d’oro… Dieguito?! a parte che non si scriverebbe neanche così… ma come le è venuto in mente di usare un finto diminutivo?! E’ la sorella forse!?

E poi un susseguirsi di orrori … come detto… l’articolo inizia con un “MA!” … ok… un MA ha il suo perchè…. ma “MA” cosa?! Hai appena iniziato l’articolo!!! E poi espressioni come “Manco” & co. che io manco  morta userei in un articolo! Per dire cosa?! Che tra “camorra” (ok… c’è… è innegabile… ) “disoccupazione” (che nell’articolo sembra quasi appannaggio di noi napoletani… cavolo… è il resto delle persone che protestano sui tetti di mezza Italia?! Ah però quanti napoletani ci sono nel mondo!) l’occupazione nazista… tesoro … te lo dico con il cuore… fascismo e nazismo sono una vergogna per tutta l’Italia… non solo per noi…

… che dire!? Mi sto preparando da un po’ all’esame di idoneità professionale… non potete immaginare quale caterva di libri… su come funziona l’Ordine… la deontologia… addirittura il modo di scrivere (che premettiamo non è ovviamente lo stesso che uso qui insieme a voi amici di blog!) e poi… poi mi cascano le braccia… quando vedo questi scempi…

… e quando vedo Il GIORNALE dire che Berlusconi è stato prescritto perchè non “poteva essere condannato”… 😯 E’ come dire che … no … sono senza parole… ma SANNO che la prescrizione NON è assolutamente una forma di ASSOLUZIONE?!? Sanno che è solo l’ennesimo risultato del giocare a melina con la  giustizia di Ghedini e degli altri avvocati di Berlusconi?! Non so se sperare che lo sappiano… e facciano finta di nulla per i loro porci comodi… o pensare che sono … non mi viene modo per definirli che sia “politicamente corretto”.

Vabbè… sono due quotidiani che hanno opinioni politiche e non solo, diverse dalle mie… ma il giornalismo allora è solo OPINIONE?

… cavolo… io studio per diventare una giornalista professionista e distinguermi dai pubblicisti… ma leggo queste cose e penso tra me e me…

… vuoi vedere che sto studiando per il provino a “LA SAI L’ULTIMA”? Perchè se queste non sono barzellette… non so proprio cosa siano!

 

C’era una barzelletta…

Salve… breve post serale per dirvi in questa giornata un po’ zeppa d’impegni per me… mi sono alzata alle 6 e son tornata 10 minuti fa… una cosa che mi è rimasta impressa! Cosa?! Semplice…

… C’era una barzelletta… ma voi potreste dire che ce n’erano tante… ma una in particolare!

C’erano un napoletano un inglese e un francese… a volte l’inglese era americano e il francese tedesco… ma il napoletano c’è sempre… quindi?! ah sì… c’era un napoletano un inglese e un francese… anzi no!

C’erano 3 napoletani! C’erano un autista di pulman, un tassista e un sacerdote… tutti e 3 napoletani!

C’era anche un incrocio… al centro di Napoli… al centro di Napoli c’erano anche il napoletano l’inglese il francese l’americano e il tedesco… ma ora non ci interessano… nella barzelletta che ci riguardano abbiamo già detto c’erano 3 napoletani!

Un autista di autobus di linea Napoletano! Un tassista Napoletano! Un sacerdote Napoletano!

Non ci sono rolex fuori i finestrini rubati… e nemmeno fantasmi del formaggino… C’erano solo questi 3 Napoletani.

Mettete il sacerdote Napoletano nel Taxi del tassista Napoletano! Mettete l’autista di autobus di linea Napoletano alla guida del suo autobus di linea… e mettete sia il Taxi del tassista Napoletano dentro il quale c’è il sacerdote Napoletano, sia l’autobus di linea con alla guida l’autista Napoletano allo stesso incrocio… mettete poi un semaforo GIALLO LAMPEGGIANTE!

C’erano 3 Napoletani… un semaforo giallo e c’era un solo incrocio… fossero stati 3 gli incroci allora…

… invece l’incrocio era solo uno! E i Napoletani 3!

PATATRAC!

C’erano 3 Napoletani… all’incrocio… due s’insultavano… uno si faceva il segno della croce… e c’erano un Taxi e un autobus al centro dell’incrocio con tutti i paraurti ammaccati! Eh già… l’autista di autobus di linea Napoletano aveva tamponato il Taxi del tassista Napoletano che portava chissà dove il Sacerdote Napoletano!

O forse era il contrario… era il tassista Napoletano il cui taxi portava il Sacerdote Napoletano ad aver urtato l’autista dell’autobus di linea Napoletano!?

“Quanti Napoletani” direte voi! Il colorito dei leghisti potrebbe diventare verde padano se mai dovessero leggere questo post! Ma sapete com’è a Napoli siamo tutti Napoletani! E ci si tampona… succede anche a Milano… anzi li deragliano spesso e volentieri i tram… ma quella è un’altra storia perchè in Padania non fa testo… invece NOI siam Napoletani e quindi!

Eppure vi dirò… è vero che l’autista del pulman gesticolava chiamando i colleghi fermi al capolinea… eh sì… gesticolava da Napoletano e urlava: “Wè! Giggì vien’à ‘cca!”

Eppure vi dirò… E’ anche vero che il sacerdote parlava e pregava in Napoletano!  E che l’autista del Taxi imprecava ancora più in Napoletano…

Eppure vi dirò… dopo una decina di minuti di improperi dei due e di preghiere dell’altro i 3 napoletani hanno spostato Taxi e autobus facendo scorrere il traffico… sempre a 1 km all’ora perchè il traffico è paradossale ma senza bloccarlo definitivamente! E sono andati a compilare il tutto al bar! Davanti a un caffè!

Perchè è vero… abbiamo tanti difetti… però il caffè non si nega a nessuno! Neanche al Napoletano che ti ha tamponato!

C’era una barzelletta… dove c’era un incrocio un autobus un Taxi e 3 Napoletani… non c’erano canzoni leghiste… e c’era ancora una fetta di umanità… caotica è vero! Da risolvere è vero! Ma tanto divertente! E nessun turista, italiano o straniero che fosse ha trovato nulla d’indecoroso nella divertente scenetta… chissà perchè le canzoni leghiste invece le criticano da tutto il mondo?! Non credo sia solo per una questione di stonature! Credo sia una questione di cuore!  😉