Napoli vs. Roma… sfida all’ultimo caffè!!! E se il barista è a lutto… allora…

Ciao a tuttiiii… nuovo post per il Jukebox… il primo post di questo nuovo Jukebox tenta di accontentare la richiesta di Frappy di celebrare i caffè… Non la bevanda (che pure ci piace assai! ma che celebrammo in un altro post tempo addietro)… i locali… e forse forse cerca di accontentare anche Luisa… che voleva un po’ di SANO humor noir… e  chi sa… che non si strappi un ghigno lontanamente simile a Cupo…

… tutti e tre al momento di dedicare questo post a qualcuno si sono prodotti in mail di protesta per dire: “Ma è un post a richiesta o una gita di gruppo!?!?!?” 😡

Cavaliere Errante poi si è infiltrato e ha chiesto: “Un gelato al pistacchio visto che andiamo al bar!!!” 😯

Ecco a voi, separando il tutto per le solite categorie a me tanto care, la mia “schedina” dei caffè!! E dei rispettivi barisiti!!!

E ora ecco a voi… quindi:

NAPOLI – ROMA: Una sfida all’ultimo caffè!

Il caffè dell’ALBA: E’ quel caffè dove ovviamente si va a prendere il caffè all’ALBA!!! Perchè a tutti noi capita di prendere qualche caffè all’ALBA… e con ALBA intendo ALBA!!!

  • NAPOLI: Il barista del mattino di Napoli di solito mi vede… annuisce e urla: IL SOLITOOOOOOO!!
  • ROMA: Il barista dell’ALBA di solito mi vede e urla: “WEEE WEEE c’è a Juagliona E’ Napulèèèè… facimme nu cafè strettooo strettoooooo!!!

Il fatto che urlino entrambi mi farebbe dare un bell’ICS! Anche se al Barista Romano ho dovuto dire di essere napoletana… altrimenti non l’avrebbe mai capito… quindi… anche se per un brevissimo scarto…

Napoli-Roma: 1 a 0 palla… anzi… TAZZINA di caffè al centro!

E possibilmente “in fronte” al prossimo barista che mi urla alle 5 del mattino svegliandomi dal torpore, utilissimo per recarsi a lavoro! :mrgreen:

Il caffè letterario…dove si può scrivere… leggere… anche da soli seduti al tavolino… senza che nessuno ti guardi strano!

  • NAPOLI: Ho un mio caffè letterario preferito… mi ci incontro di solito con Jerry per un caffè e per chiacchierare e vado alle  sue presentazioni… ma oltre che un’alta frequentazione di scrittorucoli e presunti tali come la sottoscritta… devo dire… ha poco di letterario!
  • ROMA: Ne ho visti 2 … uno aveva addirittura libri da prendere in prestito mentre si prendeva il caffè… e la cosa mi è piaciuta un sacco!!!

Per questo motivo: Napoli-Roma: 1-1 Tazzina di caffè di nuovo al centro!

E libro in mano! Perchè non è una bella cosa leggere sbirciando il libro del vicino di tavolo da dietro le sue spalle! 😯

Il caffè della sera… bar per prendere il caffè dopo cena… o dopo locale… o dopo qualsiasi cosa!

  • NAPOLI:  tutti i bar sono pieni, anzi straripanti fino a Mezzanotte… a volte troppo… a volte ti pare di giocare a Twister! E non sempre è gradevole… o può esserlo molto… dipende da con chi stai!
  • ROMA… beh direi che ci sono altri tipi di locali… e che i caffè passaano in secondo piano dopo il tramonto… Ci sono eccezioni ma non sono straripanti come da noi… e non sono tutti ma proprio tutti i bar…

Per questo motivo… Napoli-Roma: 2-1… di nuovo tazzina al centro!  

E mano sul “rosso destro” e piede sul “giallo sinistro”! 😕

Il caffè in compagnia… è quel locale dove vai volentieri con gli amici… provvisto di vasto spazio per sedere e chiaccherare… e far baldoria!

  • NAPOLI: Di solito c’è una divisione tra i bar che ti portano il caffè al tavolo e quelli che ti invitano a portartelo… la differenza è soprattutto nel prezzo (piccolo trucco per non farti pagare il servizio che i baristi napoletani fanno volentieri)… alla fine resti seduto lì per ore a ciarlare!
  • ROMA: Devo dire che ne conosco pochi… sono solo un paio i caffè dove mi è capitato di accomodarmi con quei pochi amici romani per molto tempo… insomma per il tempo che supera di molto il tempo di bersi il caffè! Sono comunque spesso genitlissimi… anche se un po’ beh… “snob” ma magari è un’impressione!

Napoli-Roma: ICS… perchè non posso giudicare quello che non conosco completamente!

Il caffè del barista piacione… c’è sia a Napoli che a Roma la credenza che il barista con le clienti femminili non accompagnate da OMACCIONI nerboruti debba fare il cascamorto (NO Luisa… cascamorto che ci prova… non che è morto! Non è ancora il momento!!!)

  • NAPOLI: Il caffè del barista piacione è quasi sempre moooolto belloo… perchè altrimenti scapperesti terrorizzata all’idea che sia un maniaco… quasi sempre anzi urla “LUUUSSOOOO!!!!” Il barista più piacione di Napoli l’ho infatti incontrato in un bar molto importante… dove sono spesso ospiti personalità di vario genere… la sua battuta d’approccio: “Mia cara?! Che ti porto…” per poi girarsi e urlare: “Un caffèèèèèèèè per la bella ragazza al banco!!!” … puoi esser anche racchia … ma lo fa!
  • ROMA: Il barista diventa piacione al secondo giorno che ti vede… perchè è come se entrasse in confidenza… quasi amico… nel giro di una settimana se non ve la squagliate il barista si trasforma da PIACIONE a PIAGNONE… e si lamenta di Moglie, suocera, figli… e della SQUADRA DEL CUORE!

Napoli-Roma: 1-1 perchè non sono la miglior giudice dei PIACIONI di tutto il mondo! :mrgreen: Però… l’ultimo tipo di barista ci introduce automaticamente alla nuova categoria…

Il barista in lutto… o in lutto stretto! (per la gioia di Luisa!)

  • NAPOLI: Da noi esiste solo il barista in lutto stretto! Il lutto è stretto quando è vicino… il barista in questione ti piange nel caffè… ti singhiozza in faccia… si morde il labro emettendo mugolati di dolore e sofferenza… tu pensi… “Oh poverello!!!” e lui scuote la testa mentre tu giri lo zucchero nella tazzina… e tu allora non puoi far a meno di dire: “Che è successo…?” e allora lui con un singhiozzo…
  • ROMA: Il barista è a lutto… è affranto e si vede… dice agli altri che c’è ancora speranza… che non credeva sarebbe finita così… che un dolore così grande non se l’aspettava proprio… che non riesce a sopravvivere con questo groppo in gola… la lacrima c’è… ma non si vede… si gira e serioso ti dice pressocchè singhiozzante: “Ma che ti porto?!” Tu con un po’ di riverenza gli chiedi il solito caffè… e lui annuendo va… ti prende il caffè te lo porta e tu non puoi fai a meno di dire: “Che è successo?” e allora lui scuotendo la testa…

PER LA SERIE: OGNI MONDO E’ PAESE… entrambi i baristi ti risponderanno: “Ma l’hai visto l’arbitro quel @#[%[&]$£!!! E’ un vendutaccioooo…..e noiiiiiiiiiiiiii!? Con che faccia affronteremo la partita di ritornooo!?!?!?

Eh già… parlavano entrambi della squadra del cuore… NAPOLI o ROMA che sia! (i laziali mi perdoneranno… ma non ne ho ancora incontrati di baristi lazialI!)

… ed entrambi avrebbero barattato volentieri un rene, o qualche altra frattaglia per avere un rigore all’ultimo minuto… il cane per un gol da centrocampo… la casa con il mutuo ancora da pagare per un attaccante del Sud AMmerica… una suocera per… beh… per qualunque cosa! Ma quella è un altro post! Oppure no!?