Preparate i buoni propositi… arriva il 2009!

Ormai ci siamo quasi… siamo in dirittura d’arrivo… siamo  agli sgoccioli… stiamo lì lì per… vabbè avete capito! Domani a quest’ora sarà passato un anno! UN ANNO IN UN SOLO SPOSTAMENTO DI LANCETTE!

Quello che non potete sapere è che Godot ha un muuucchiooo di buoni propositi per il 2009!

1) Godot vorrebbe finire di parlare di se in terza persona!

2) Godot vorrebbe finire di sgobbare per pochi spiccioli!

3) Godot vorrebbe finire il libro!

4) Godot vorrebbe finire le sedute con Samuel!

5) Godot vorrebbe finire di fare gli elenchi!

6) Godot vorrebbe finire di sgobbare le notti tra il 31 ed il 1°…ogni anno ogni anno! Godot deve farsi il giro telefonico e non degli ospedali delle provincie Campane… perchè Godot DEVE sapere chi sarà il primo nato!

7) Godot vorrebbe finire di sembrare una squinternata!

8) Godot vorrebbe finire di vedere l’omino occhialuto ogni volta che fa un elenco!

Etc.Etc. Dove specifichiamo l’Etc.Etc indica… un fidanzato miliardario… un bel lavoro… una macchina nuova… e come dice Lucy nello speciale Natalizio dei Peanuts: “A REAL ESTATE!” Estate non significa estate… quella con ombrelloni e 40 gradi all’ombra leggetelo… estEIt… e avrete il corrispettivo inglese per “UN VILLONE DA PAURA!”

Ma non temete! Questi sono solo buoni propositi! E si sa che i buoni propositi restano tali! Infatti il mio 2009 inizierà a lavoro… alla ricerca del primo nato… sgobbando per pochi spiccioli! Etc.Etc.! D’altronde si sa! Chi ben comincia è a metà dell’opera! E chi fa la Godot a inizio anno… fa la Godot tutto l’anno!

Annunci

Perdete ogni speranza voi che parcheggiate!

Eh già! Si sa… nel periodo infra-festaiolo… ossia tra Natale e Capodanno… chi abita fuori torna a casa… a visitare parenti e amici! Peccato che i condomini più indisciplinati approfittino di ogni famiglia “fuori-sede” per appropriarsi di tutto lo spazio che risulta essere “parcheggiabile” e spesso anche di quello che non lo è!

Chi non è campano probabilmente non si rende conto di quel che parlo… andiamo con ordine.

Prima di tutto devo dire di essere contenta… nel momento del parcheggio di non vivere più a Napoli… perchè spesso parcheggiare a Napoli equivaleva a vincere al bancolotto… ritrovare la macchina poi… specie in certi quartieri… era vincere la lotteria di Capodanno! E specifichiamo… io sono proprio originaria di quelle zone!

Quindi ecco che la famiglia Godot qualche anno fa si è spostata… più volte… e ha messo radici… sotto forma della fidazata del Godot-fratello… in un’altra città campana! Non nel senso che ha forma di campana… in senso della Campania! Ed è qui il problema!!! Non ai livelli di Napoli ma il problema parcheggio esiste un po’ ovunque… l’unica differenza è che nelle altre città gli appartamenti li vendono veramente con il garage e non devi salassarti e fare messe nere per avere un box auto!

Ma il box auto… si sa… non basta!!! O meglio… basta… ma non ti risolve tutti i problemi della vita… ok… forse questo è abbastanza ovvio… ma non ti risolve neanche tutti i problemi di parcheggio! Specialmente quando il garage è come il MIO!!! Ancor di più quando si vive in un condominio come il MIO!!!

Di che parlo… del fatto che per scendere nel mio garage ci sono 3 curve a 90 gradi con una pendenza di circa 70 gradi… facendo del garage una sorta di bolgia infernale… se Dante fosse stato uno dei miei condomini l’avrebbe denominata “la bolgia dei parcheggianti” o “il girone di quelli che si hanno la macchina NUOVA!” E così stamattina Godot si sveglia… esce perchè è leggermente claustrofobica… e appena arrivata in garage sente una sfilza di improperi provenienti dal pacatissimo condomino del 5 piano… si affaccia e… frantumi di fanalino a terra CON MASTERCARD! Si avvicina e lo saluta chiede se può essere di aiuto… lui sorride… risponde “No grazie” con l’aria di chi vorrebbe dire “NON C’E’ PIU’ SPERANZA!!!” si rimette in macchina… e parte… SBAM! Specchietto destro sfasciato… con Mastercard! E ovviamente un altra serie di insulti contro “cotanto geometra” che costruì la palazzina!

Intanto Godot va verso il suo box ma si blocca… l’inquilino del 2 piano ha messo ancora la macchina di traverso davanti alla porta… essendo il garage piuttosto piccolo e avendo tutti i condomini almeno un box da due posti auto… ovviamente le macchine non si possono mettere FUORI dal box e NEL garage! Ma l’inquilino del 2 piano se ne infischia! Godot sale al 2 piano… bussa… l’inquilino è in mutande e dice… “vabbè ma l’avevo appoggiata solo un attimo! Ieri sera” Mmm… Godot con aria seccata gli fa notare che se è “Ieri sera” e ora è “Stamattina” non è propriamente “un attimo”

Lui sbuffa ma poi scende… arriva e dice… “ma potevi passare di lato” “NOOOOOOO NON posso passare di lato senza giocarmi anch’io lo specchietto!” Alla fine la sposta… ma non la mette nel suo box… neanche fuori… neanche davanti al SUO box… la mette davanti al box di mio zio! Ma mio zio è un pezzo d’uomo… e il condomino del 2 piano è un metro e 40… mio zio avrebbe saputo cavarsela quando dopo un quarto d’ora sarebbe sceso per andare a lavoro!

Godot esce… Godot torna… con grande abilità… riesce a non perdersi nessun fanalino durante la fatidica discesa agli inferi! Esce dalla macchina… e sente urlare!!! Chi avrà perso il fanalino!!???

Non era per un fanalino che si stava urlando… era il condomino del 4 piano… quel militare che poverino con moglie e figli piccoli sta sempre in missione da qualche parte e mai a casa… tornato per le feste… ha trovato davanti al suo box l’inquilino del 2 piano! Ma dico io… ma perchè non parcheggia direttamente nel suo box!? Boh! Questi sono quei misteri che nessuno sa mai come spiegarsi…

Comunque il militare è chiaro… urla al condomino del 2 piano: “Ora mia moglie e i bambini sono già saliti… io vado a fare la spesa… SIG. XXX ha capito? LA SPESA!!! CI metto mezz’ora! Mezz’ora d’orologio!!! Quando torno voglio la porta del mio box libera… voglio tutto il garage perchè voglio divertirmi a fare manovra!!! La macchina sua la metta dove vuole… ma non davanti alle porte dei box altrui!!! Allora tra mezz’ora torno!!!” Si gira… mi vede… mi fa un cenno con la mano… io ricambio… e lui commenta: “Signorina ma come si deve fare??!! Mi ha risposto che non mi posso lamentare perchè non ci sono mai!” Io rispondo: “Non se la prenda sergente! Piuttosto faccia gli auguri anche se in ritardo a moglie e bambini!” Lui entra in macchina… parte e SBAM! Rigatura della portiera sinistra con mastercard!

Perchè un’ammaccatura per  un meccanico non ha prezzo ma per parcheggiare non c’è mastercard!

Lavorare stanca… ma anche le feste!!!

Eh già! Diciamoci la verità! Lavorare non stanca quanto stare in ferie… o meglio… non stanca quanto le feste di Natale! Non so voi… ma io in questo periodo mi sento sempre particolarmente STANCA! Così stanca che il mio blocco si è fatto sentire a viva forza oggi… e anche al giornale non sono riuscita a scrivere una riga… e neanche qui sul blog!

Sarà la maratona abbuffate/amici/visite etc. etc.? Probabile! Intanto come accennato mi prendo una pausa anche dal blog! Quanto durerà? Moderate l’entusiasmo… domani torno a lavoro… torno da Samuel… torno anche sul blog! Non vi libererete di me tanto facilmente… e qui ci vorrebbe una di quelle “mie risate malefiche” stile GNECGNECGNEC… ma anche ridere stanca… stanca tutto! A domani… intanto vi lascio il compito arduo di indovinare di cosa parlerò domani… eh già… perchè a differenza dei miei soliti post “anticipativi”… questa volta non ho proprio idea di cosa parlerò!!! O forse sì? Boh! 😀

I veri truffatori si vedono nel momento della tombola!

E’ vero… i veri amici si vedono nel momento del bisogno… ma è altrettanto vero che se di Sabato sera vai alla “GRANDE TOMBOLATA” organizzata ogni anno il primo sabato dopo Natale dagli amici… ti riesci anche a rendere conto di chi… tra i tuoi amici… è una vera carogna!

Eh già! Perchè c’è una precisa classificazione dei giocatori di tombola… ed è nel momento della tombola che la bestia dentro di noi si fa viva! Come!?!?!

GIOCATORE DI TOMBOLA 1) Giocatore altruista! E’ quello che controlla i numeri di bambini e anziani… nella vita reale però se incontra una vecchietta che attraversa ed è in macchina… lui accellera!

GIOCATORE DI TOMBOLA 2) Giocatore scaramantico! E’ colui che ovunque vada fa segni rituali su tutte le cartelle… su quelle con cui vince… su quelle con cui perde… fermo restante che l’anno prossimo si sarà dimenticato i segni fatti… l’effetto collaterale è che le cartelle di tutti i suoi conoscenti sembrano delle mappe del tesoro! Nella vita reale se un gatto nero sta attraversando la strada sotto una scala e facendo cadere l’olio… lui accellera! E con un sorriso afferma: “Non sono scaramantico!”

GIOCATORE DI TOMBOLA 3) Giocatore romantico! Gioca in coppia con il partner di una vita… dividono perdite e vincite… e barano alla partita post-tombola di “asso  che fugge”!!! Perchè si amano troppo per eliminarsi! Nella vita reale se lei attraversa la strada… lui in macchina con l’amante accellera!!!

GIOCATORE DI TOMBOLA 4) Giocatore metodico! Sceglie le serie in base ad un preciso calcolo statistico… peccato che quando lui abbia finito si sia arrivati già all’ultimo giro! Nella vita reale… controlla sempre due volte lo scontrino del fruttivendolo!

GIOCATORE DI TOMBOLA 5) Giocatore simpatico! Quando tira lui i numeri ci mette 3 ore perchè ogni numero è una battuta e un aneddoto! Alla fine gli altri abbandonano per spossatezza! Nella vita reale… è taciturno e se gli telefoni grugnisce a mala pena un “si” o un “no”!

GIOCATORE DI TOMBOLA 6) Giocatore soporifero! Quando tira i numeri è lentissimo… non fa battute… non racconta aneddoti… è solo… LENTO! Nella vita reale… insegna… e incominci a capire perchè i ragazzi hanno quello sguardo assonnato quando c’è lui!

GIOCATORE DI TOMBOLA 7) Giocatore gratta e vinci! Ha sempre qualche allergia alla tipica frutta secca natalizia… e così tra un “rat rat” sul braccio e una lagnanza perchè gli arachidi sono proprio vicino a lui… vince tutto il vincibile… è abonato al terno… e se gli capita una tombola fa il ballo dell’arachide… usando la porta per grattarsi la schiena. Nella vita reale non balla ed è povero in canna… effettivamente ognuno di noi prova a barare per fargli vincere qualcosa!

GIOCATORE DI TOMBOLA 8) Giocatore occhialuto! Per la gioia di psicosi il Giocatore occhialuto esiste… bara e mangia a sbafo… e quando perde un alro gli ride in faccia… ogni anno a Natale tutti noi altri ci chiediamo: “Ma perchè è nostro amico?” Qualcuno risponde: “Non è amico mio! E’ amico tuo!” “NO SUO” “NO VOSTRO” … alla fine non sappiamo di chi sia amico… nella vita reale si infiltra alle tombolate della gente per ripulirne i portafogli!

GIOCATORE DI TOMBOLA GODOT! Giocatore a se stante… non fa coppia… vince alla prima tombolata e poi perde tutto nei giorni successivi… alla fine si trova con un ammanco di svariati euro… ma non le importa un granchè anche perchè per lei la matematica  è un’opinione e non sa mai quanto ha perso effettivamente… per lei infondo la tombola con gli amici equivale a una grande rapina ai suoi danni!!!!! Nella vita reale… quale vita reale??? 😉

A Natale puoi? Alcune verità… e svariate menzogne!

Eccoci qui… tornata dalla due giorni che poi è diventata una tre giorni di festeggiamenti Natalizi! A Natale si è già detto… e anche scritto… si è tutti più buoni! Ma che succede se ti “pagano”… poco e a fasi alterne… ma ti “pagano” per essere cattiva??? Proprio così! Prima Verità!

Quelli più affezionati tra voi… sapranno che collaboro con alcuni giornali… soprattutto per la mia grande capacità di allungare il brodo! I giornali sono piccoli… e di poca importanza… ma certo è che non mi hanno “arruolato” tra le loro file… o essendo giornali… tra le loro colonne… per essere “buona”! E devo dire… che per una certa cazzimma insita nella mia persona… mi riesce anche benino sparare a zero sui poveri malcapitati! Seconda Verità!

Così ogni tanto qualche furto al cimitero… qualche convegno politico… qualche sagra paesana… ma soprattutto… quello per cui sono “famosa” in redazione… “critica teatrale”! Così eccomi tra i più fetenti delle pagine culturali… sventro spettacoli e corali come niente fosse e non per cattiveria pura… sono sincera! Tutto qui! Terza Verità!

Altri si ricorderanno che lavoro anche a scuola. Quarta Verità! A scuola una delle mie colleghe mi aveva invitato ad un concerto di Natale tenuto dalla sua corale… Quinta Verità! Assicurandomi: “Siamo bravissimi!” Prima menzogna! E poi chiedendomi: “Perchè non vieni in qualità di critico… ti ho letto sai! Avere una buona critica da te sarebbe fantastico!!!”

Ed eccomi davanti a un quesito che nemmeno Salomone sarebbe stato in grado di risolvere… anche per tagliare in due la collega non serviva!!! CHE FACCIO??? Eh già! Perchè in questi giorni mi sono crucciata per tutto il tempo… professionalità… o amicizia… andando io abbastanza d’accordo con la suddetta collega? E’ vero… a volte sono stata un po’ più tenera… ma mai buonista… non sono fatta così… non aspiro all’amore di tutti o forse non sarei single… (sempre che io non sia una racchia pazzesca e voi non lo sappiate…) Io voglio sentirmi bene con me stessa… ho un orgoglio fortissimo… esagerato spesso e volentieri… ma non mi accontento… guardate un po’ il “non accontentarmi” dove mi ha portato con il libro… credo che probabilmente non lo pubblicherò mai!

Il non andare sarebbe equivalso alla morte sociale… per modo di dire… andare… mi  avrebbe messo in seria difficoltà!

Farmi schifare… o non farmi schifare… This is the question! La soluzione? Eccola qui! Oggi ho detto al giornale che non ero disponibile… mi hanno chiesto perchè… io ho detto che avevo delle visite da fare. Seconda Menzogna: ma se avessi detto che andavo ad un concerto il redattore-capo mi avrebbe chiesto di recensirlo. Poi sono andata al concerto. La collega si è avvicinata e mi ha detto: “Sono felice che tu sia qui. Allora che fai… sei qui come amica o come stampa?” Ed io ho risposto: “Come amica. Al giornale non mi hanno dato il permesso di scrivere la recensione.” Terza Menzogna! Al che lei ha risposto: “Non preoccuparti sarà per un’altra volta. Prendi posto che iniziamo!” Quarta menzogna… hanno iniziato dopo 40 minuti.

Ho preso posto. La bambina dietro di me cantava: “Mi scappa la pipì” e alla fine, dopo 40 minuti di attesa… proprio quando stava per iniziare veramente… ha urlato al padre: “PAAAAPA’!!! Devo andare in bagno!!!” Ehm… evidentemente si è suggestionata da sola! Comunque… il concerto è iniziato. E menzogna o no… io sono stata felice di non essere andata lì in qualità di critico. Perchè? Perchè mi sono goduta lo spettacolo! Allora erano bravi? Vi chiederete voi… NO! Erano stonati… si muovevano fuori tempo… Luci e audio facevano contatto… i microfoni rimbombavano… i costumi erano vestiti di Carnevale di cattiva qualità… E sbagliavano la pronuncia dei titoli stranieri… e spesso sbiascicavano le parole.

Allora? Semplice… sono veramente andata lì come amica (Sesta Verità) se fossi andata lì per “lavoro” mi sarei dovuta passare una mano sulla coscienza e scrivere la verità… magari indorare la pillola… ma dire la verità! Settima Verità!

Dopo lo spettacolo invece la collega/amica si è avvicinata e mi ha chiesto: “Voglio un giudizio serio! Da esperta… Com’era?” E mi guardava con gli occhi speranzosi. Se fossi stata lì in veste “ufficiale” l’avrei ferita… e invece ho potuto sorridere e dirle: “Bellissimo. Complimenti. Mi sono divertita tantissimo.” Quinta Menzogna! O forse è una verità? Infondo è vero… che mi sono divertita… è vero che ha diritto a ricevere i Complimenti… per l’impegno… e tutto il resto… sì, non era Bellissimo… ma a Natale… per essere tutti più buoni… sarà pur concessa qualche menzogna per far contenti gli altri! Qualcuno dirà: “Ti richiamerà al prossimo spettacolo… e dovrai mentire ancora!” No… non mentirò… non la stroncherò perchè è una personcina a modo… e soprattutto non è una “professionista”… le dirò un’altra verità: “Guarda che mi pagano per essere cattiva. Per questo non recensisco mai gli spettacoli di amici e parenti. Se vuoi vengo. Vengo volentieri. Ma non in veste lavorativa.”

Perchè allora sono amareggiata? Non so… paradossalmente… sotto le feste… finisco sempre per essere un po’ giù… saranno tutte queste BALLE che dico per far contenti gli altri… com’è che nessuno ne dice per far contenta me?

Post doppio con triplo tuffo carpiato!

Ebbene sì!!! Eccoci qua… è la vigilia… e domani è Natale… quindi dopodomani sarà Santo Stefano… e il giorno dopo il 27… poi… vabbè… direi di aver ostentato la mia conoscenza del calendario anche troppo!

Che ci faccio qui il giorno della vigilia??? Semplice! Non vi potevo mollare qui soli soli… ehm… tristi tristi… ehm… senza un posticino!!! Ma visto che in questi giorni ci sarà tanto da fare ed io verrò sommersa da quella magma indefinibile della “famiglia Godot”… mi sarà difficile aggiornare il blog domani… correggiamoci… mi sarà impossibile aggiornare il blog domani! Ergo??? Ergo! Oggi doppio post… in cui vi anticipo quello che farò oggi e quello che farò domani!

Oggi… 24 dicembre 2008… Ho preso i piatti NATALIZI e li ho lavati con tanto OLIO DI GOMITO… e anche un po’ d’olio di lavastoviglie! Ora sono alle prese con la cena della vigilia che si terrà da me! Verranno tutti tutti tutti!!! Troppi! E così tra una mangiata e una tombolata… io me la dovrò svignare alle 23 e 50 per andare a farmi il giro delle chiese per il giornale… perchè la messa di Natale al direttore si sa, piace! Tornerò a notte inoltrata… e mi metterò a scrivere scrivere scrivere… quando avrò finito… scosterò le gambe di mio zio dalla sedia e mi unirò ai sopravvissuti per un altro giro di tombola che ovviamente perderò!

Prosciugate le loro finanze  i parenti si accingeranno ad andare via… finchè mia madre non urlerà: “FERMI!!! CI SIAMO DIMENTICATI DI APRIRE I REGALI!!!” Ed eccoci alle prese con la prima manche di apertura del pacchetto… bello, mi serviva, mi piace, bello, grazie, prego, bello! E poi… ognuno a casa sua!

Domani 25… sveglia all’alba… seconda manche di apertura pacchetti… diciamo quelli appartenenti solo al nucleo familiare… bello, mi serviva, mi piace, bello, grazie,  prego,bello! E poi… tutti a lavarsi!!! Imprecando allegramente contro l’idraulico perchè non è possibile farsi la doccia contemporaneamente nei due bagni! Infondo è Natale anche per l’idraulico!!! Un’oretta dopo… vengo beccata con il bigodino in testa dalla zia di terzo grado che va a trovare suo fratello anche lui zio di terzo grado per il pranzo di Natale… terza manche dell’apertura di apertura del pacchetto… bello, mi serviva, mi piace, bello, grazie, prego, bello! E poi… loro scendono da mio zio… che si era unito alla manche di ieri… e noi tutti a prepararci con mio padre che gioca a “Il frate trappista fai da te… dei video corsi De Agostini”…

“Siamo in ritardo… dobbiamo essere tra 20 minuti da zia… e ci vogliono 40 minuti… sono le 12 e 50… sono le 12 e 55… sono le 13…”

Alla fine siamo tutti pronti… tranne mio padre che ha perso troppo tempo per guardare l’orologio!!! Ma non temete… mio padre va a 240 in curva… si gioca ogni due mesi la patente… ma per arrivare da mia zia invece di 40 minuti ci mettiamo 10 minuti e arriviamo solo con 5 minuti di ritardo!

Quarta manche dell’apertura del pacchetto!!! bello, mi serviva, mi piace, bello, grazie, prego, bello! E poi… tutti a tavola!!! Finito di mangiare mentre gli uomini si trascinano su divani e letti disponibili come fossero lumache al sole per quanto hanno mangiato, noi “donne” ci accingiamo a fare i piatti con tanto OLIO DI GOMITO… e niente olio di lavastoviglie perchè a mia zia non va! Dopo altra tombolata… e poi… tutti da rispettivi parenti e amici… Quinta mance dell’apertura del pacchetto!!! E questa volta rischio anche facendo il triplo tuffo carpiato! Cioè? Tre visite da fare e tre visite da ricevere in una sola sera… ci vorrà un gran lavoro di coordinazione!!! Ma alla fine ci riuscirò!

E il 26? Beh… allora dovrò trovare assolutamente qualche minuto per aggiornarvi… intanto vi faccio tantissimi auguri di Buon Natale!

Ecco per voi un Babbo Natale "Vittoriano"!

Ecco per voi un Babbo Natale "Vittoriano"!