Back from… Hell!

Vabbè non esaggeriamo non era proprio infernale Malta… però… sarà stata la compagnia, sarà stato il periodo tra Halloween e il giorno dei morti… ma a me un po’ di paura Malta questa volta l’ha fatta! Che io stia diventando a “scarredy-cat”? No… credo che veramente questa volta Malta sia stata un po’ “spaventosa” o per dirla con M. “spaventevole” e allora capisci perchè è anglofono! 😀

Comunque come anticipato nel mio brevissimo post di ieri… ieri sono andata a Medina… oggi dopo un giro di negozi velocissimo, sono ripartita e ora eccomi qui appena arrivata!  Ma proprio nel senso che ho lasciato il valiggione 4X4 che dopo le nuove compere è diventato 4X5 nel corridoio… alla mercè di chiunque voglia inciamparci dentro!

Ma andiamo al succo del discorso… perchè tornata from… Hell? Ehm… che devo dire… è rarissimo che un posto non mi piaccia, ma evidentemente tra me e Malta c’è una sorta di elettricità negativa che fa si che a me non piaccia un granchè, o che almeno io trovi sempre qualcosa che non mi quadra… e che tutta Malta faccia in modo che mi vada qualcosa storto! Voi direte: Capirai ti va sempre qualcosa storto!!! Vero! E allora?

Beh questa volta niente vecchiette assatanate… niente vampiri (mmm?)… niente di niente! Ed è proprio questo il punto… di solito mi annoio… a Malta! E per me, leggermente iperattiva e psicotica… l’annoiarsi equivale alla dannazione eterna!

Medina devo ammettere che è una bella città, non ci ero mai stata… è l’antica capitale di Malta… e dal nome si possono intendere precedenti saraceni per la gioia degli ammiratori del grano! 😀 Comunque è una città antichissima e si può respirare l’aria dei secoli passati (e sebbene neanche questa città fosse pulitissima questa volta non mi riferisco al tanfo delle fognature, cosa che invece ho potuto apprezzare a La Valletta)!

Comunque niente cavalieri templari per me (uf ci avevo sperato tanto!) e niente brividi… solo un po’ di… tristezza! Certo M. non aiutava… mi ha parlato di morti e feriti tutto il tempo! Ma erano storie insipide… senza suspance! Eh sì perchè se una storia deve essere triste che almeno sia una bella storia triste! Ma come ho già detto forse era la “guida” a essere sbagliata… anche perchè se vi devo dire una cosa che non mi sia piaciuta di Medina non posso dire che mi venga in mente… solo che mi ha lasciato un po’ così… “a mezza temperatura”!

Comunque… direte voi… “e allora perchè saresti fifona?” Semplice tutta questa malinconia mi ha messo addosso un’ansia che mi ha fatto venire la pelle d’oca… sapete l’idea del brutto presagio… che poi non si avvera e tu ti riscopri ad essere più fifona di quel che pensavi!? Esatto! Vero è che appena tornata mi ha chiamato l’editore… e ci ho litigato… no, non mentre abbandonavo il valiggione nel corridoio… mentre salivo le scale con il valiggione in braccio tipo sposino! Il che è anche peggio! Risultato? Un’arrabbiatura come non pochi! Ma capirete che non è più una novità!

In cambio M. mi ha fatto una proposta ufficiale nel suo parlare di morti violente e mutilazioni varie (evvai che argomentino!)… non una proposta di matrimonio… mi ha chiesto di diventare il suo Max Brod… ehm… per chi non sapesse di che sto parlando… tranquillizzatevi non è un nuovo giochetto erotico! Max Brod è il curatore degli scritti di Kafka… quello che ha reso possibile la pubblicazione del “Processo” dopo che lo scrittore era morto… io devo dire la verità non so neanche in cosa consisterebbe la cosa… quindi ho sorriso e ho detto: “M. ma sei giovane non pensare a queste cose!” E lui: “Godot, moriremo tutti anche tu!” Ed io, piena di ottimismo… “Sì ma prima dovremmo invecchiare!” E lui, serio: “E se dietro l’angolo ci attendesse un assassino… sì proprio in quel vicolo, saremmo ancora giovani, tu anche di più ma moriremmo entrambi!”

EHM!!! Vabbè abbasso la scaramanzia ma non è una cosa da dire a una “pulzella” che è venuta a chiederti delucidazioni sul tuo ultimo racconto noir! Come minimo la pulzella in questione dorme con un macete sotto il cuscino! Ovviamente la pulzella… non io! Io non ho proprio chiuso occhio e mi sono giocata la possibilità di gustarmi Malta a cuor leggero! Vabbè chiudiamola qui… ma prima ci vuole una foto… un vicoletto inquietante di Malta… giusto il posticino adatto per un racconto noir!

E se nel vicolo...

E se nel vicolo...